“Perché non esiste la nostra Coppa del Mondo?” Le ragazze del futsal chiedono alla FIFA che organizzi un mondiale

“Siamo tante giocatrici che si chiedono perché il Mondiale di futsal non esiste. Perché c’è questa disuguaglianza? Che spiegazione ci possono dare? E soprattutto, quanto ancora dobbiamo aspettare?”

La voce della calciatrice argentina Julia Dupuy fa eco alla richiesta delle calciatrici di oltre 50 paesi che in vista dei Mondiali di Futsal Maschile hanno presentato una lettera inviata al presidente della FIFA, Gianni Infantino, chiedendo l’organizzazione di una propria Coppa del mondo.

Nazionale Italiana Calcio a 5

All’inizio della 12° edizione maschile, con questa lettera, l’Associazione Calciatori Futsal Argentina (AJFSF) chiede la fine della propria “emarginazione” e sollecita la Federanzione a rendere prioritario la creazione di un evento femminile, nel quadro della crescita del disciplina, praticata in tutto il mondo da oltre 60 milioni di donne.

L’Argentina, in effetti, è l’ultima nazione campionessa del mondo maschile e dove ancora di più si avverte questa disparità.

In Wikipedia sembra che il paese sudamericano abbia organizzato i Mondiali femminili, ma in realtà si tratta di campionati autorizzati della FIFA, ma non direttamente organizzati dalla Federazione.

“In effetti, molti paesi non sono stati invitati a quei tornei. Quello che ti chiediamo è di prenderci con la stessa serietà. Finora la FIFA non ha mai parlato di fare un progetto di futsal femminile quando è responsabile della disciplina mondiale”

racconta Dupuy dalla Spagna, dove gioca per Poio Pescamar (in Galizia) a Relatores.

La richiesta include la propria Coppa del Mondo, il calendario ufficiale, il piano di sviluppo strategico. Le calciatrici avvertono disinteresse e dicono di vivere questa situazione come un abbandono pubblico.

“È una discriminazione, un atto di disuguaglianza di genere”, afferma il calciatore ventunenne che fa parte della nazionale argentina.

La Futsal Players Association è stata creata nel 2010 e nonostante abbia sede in Spagna, rappresenta giocatori di diversi paesi ancora non è riuscita ad avere ascolto a livello internazionale.

L’associazione aveva già avviato misure per rivendicare la Coppa del Mondo, infatti, nel 2015 fu creato l’hashtag #WomenPlayFutsalFIFA che diventò virale.

Oggi il futsal femminile è praticato in un totale di 50 paesi e ci sono campionati in Spagna, Italia, Brasile, Ucraina, Russia, Giappone, Portogallo e persino paesi come Iran e Afghanistan vantano una propria nazionale. Ci sono tornei internazionali organizzati dalle Federazioni continentali, come la Coppa d’Asia, la Coppa dei Campioni (UEFA) e la Coppa Sudamericana (CONMEBOL).

Ci racconta Ayelen Pujol, giornalista sportiva argentina:

“L’Argentina ha un campionato organizzato dall’AFA, che ha due categorie. Alla Prima Divisione partecipano 15 squadre, mentre la B conta 23 squadre. I numeri mostrano la divulgazione della pratica sportiva nel Paese: si stima che ci siano un totale di 700 giocatori tesserati (ogni club deve necessariamente avere la Quinta, Quarta e Terza categoria). Ferro è stato l’ultimo campione della Prima Divisione e si è qualificato per la Copa Libertadores Femenina de Futsal. L’attività della Nazionale è stata interrotta dalla pandemia, ma la nazionale ha vinto la medaglia di bronzo nella Copa América 2017 e seconda nell’ultima Copa América disputata in Paraguay nel 2019. Il contraccolpo della richiesta sta già facendo il giro del mondo: il quotidiano britannico The Guardian ha pubblicato oggi la lettera delle calciatrici e ha rimarcato che in Inghilterra la Federazione non ha mantenuto la promessa di creare una squadra femminile in quel Paese e che ha anche annullato la sua squadra maschile per tagliare i costi all’inizio della pandemia di Covid nel 2020. La FIFA si era impegnata a lanciare una competizione di futsal femminile come parte della sua prima strategia per il calcio femminile nel 2018. Inoltre, non è riuscita a fornire risultati. Natalia Orive, una giocatrice spagnola di prima divisione e presidente della Spanish Women’s Futsal Association, ha detto a The Guardian di non capire perché ciò accada. “Non hanno risposta. Ma va anche contro le sue stesse regole e principi di governance etica. Hanno parlato di uguaglianza, di inclusione, con uomini e donne uguali. Ma si dimenticano del futsal”.”

In Argentina, chi può avere la possibilità di giocare all’estero non ha dubbi: partecipare a campionati professionistici dà loro la possibilità di vivere e crescere nello sport che amano. “Sono campionati competitivi che ci fanno crescere individualmente ed essere migliori per la squadra nazionale”, afferma Julia Dupuy. Per citare solo alcuni nomi, Sofía Florentín gioca per Padova in Italia, Carina Nuez gioca per Atlético de Madrid in Spagna, Agostina Chiesa per Poio Pescamar, Ana Ontiveros per Telde nello stesso paese. Tutti stanno già diffondendo la lettera inviata alla FIFA.

Già circola il grido: i giocatori del mondo chiedono parità. Sostengono una Coppa del mondo di Futsal femminile.

“Volevo essere Maradona” – Intervista a Valeria Ancione

Virginia De Vivo di RNP intervista la scrittrice Valeria Ancione, autrice del libro “Volevo essere Maradona” ispirato alla biografia della calciatrice Patrizia Panico.

Il libro immerge il lettore in un mondo visto con gli occhi di una ragazza che voleva giocare a calcio, quando questo sport a livello femminile non era ancora molto diffuso.

Si parla di una passione nata con il calcio di strada, con le porte improvvisate tra due zaini, e delle difficoltà incontrate lungo il cammino. 

#Be Brave: Tappa di Padova

Ragazze nel Pallone continuano gli incontri con le società che ci ospiteranno nel tour di #beBRAVERAGAZZE, il primo evento di futsal femminile per grandi e piccine.

Interverranno:

– Stefano Valso, Padova calcio femminile C5
– Laura Baù – Cus Padova calcio a 5 femminile
Le organizzatrici:
Arianna Pomposelli2 Be Brave Academy
Sonia Facino e Alessandra SpagnoloRagazze nel Pallone
Coordina Silvia vinditti di Any Given Sunday, media partner di BBr
#RNP 

Calcio Femminile: ENJOY PRESENTA “FACCIAMO GOAL ANCHE DI TACCO”

Elena Tagliabue parla del mondo del calcio femminile e dei primi passi fatti con la figlia Regina Baresi nell’A.S.D. Inter Milano. Ospite di Enjoy TV, diretta dalle amiche e dagli amici di Enjoy Football Club, una interessantissima e nuovissima realtà del centro di Bologna che oltre ad essere attiva nel calcio giovanile, sta lavorando per crescere nel calcio femminile per bambine ed adulte, Elena non dimentica di incoraggiare le giovani “enjoyine” a coltivare la propria passione. 

Avremo modo di conoscere meglio Enjoy e dei volori che questa società vuole trasmettere in uno dei prossimi articoli. 

Stay tuned and stay Enjoy!

Ragazze ribelli e sport: Shiva Amini

Per la Rubrica Ragazze Ribelli & Sport (a cura di ASD Tutti in Campo per Tutte), Shiva Amini allenatrice della Entella Academy di nazionalità iraniana racconta la sua storia di calciatrice.

Shiva Amini, giocatrice della nazionale femminile iraniana, venne squalificata perché fu vista in una fotografia, scattata in un viaggio personale fuori dalla Repubblica Islamica dell’Iran, in pantaloncini e senza velo mentre giocava a una partita di calcio.

«هيچوقت فكر نميكردم كه به خاطرِ يه تكه پارچه كه سرم نبود يا پاهام پوشيده نبود اونم درست در يك سفر شخصي و نه در زمان مسابقات رسمي ديگه هيچوقت نتونم توي كشورم بازي كنم. متاسفم براي جامعه ي ورزشي كه حجاب از خودِ ورزش براشون مهمتره. با محروم كردن و حذف كردن كسايي مثل ما كه هميشه به سربلندي ايران فكر مي كرديم چي رو مي خواهيد ثابت كنيد، مگه خارج كشور هم قانون حجاب اجباريه كه من بايد رعايت مي كردم؟ يعني به خودم بايد دروغ مي گفتم؟ متاسفم كه هيچ وقت ورزش زنان براتون مهم نبود#فوتسال#فوتبال#بانوان#🔴#❌#صفحه اينستاگرام هميشه پرايوت بود و فقط براي دوستان خودم ولي حالا كه عكس ها بهشون مي رسه باز مي كنم كه ببينند زندگي خيلي از ماها توي فضاي مجازي همينه، ما اينجا خودمونيم بي سانسور#» 

Traduzione: “Non avrei mai pensato che un giorno mi sarebbe stato impedito di giocare per il mio paese perché apparivo senza velo e indossavo dei pantaloncini in una fotografia scattata durante un viaggio personale fuori dall’Iran. Questo non era nemmeno un match ufficiale. Quindi per la comunità sportiva in Iran, un hijab ha un’importanza maggiore dello sport. Non so cosa stiano cercando di dimostrare i funzionari del nostro paese sospendendo persone come me la cui principale preoccupazione è dare una migliore reputazione all’Iran attraverso lo sport. Da quando siamo obbligati a indossare l’hijab fuori dal paese? Mi rattrista rendermi conto che i funzionari del nostro paese non hanno mai pensato allo sport femminile.
Nel momento in cui scoprirono che ero apparsa senza velo, furono pronti a mettere nella fogna anni di duro lavoro che ho dedicato allo sport; molti anni di lavoro, guidati dal desiderio del mio cuore di ottenere un giorno una medaglia per l’Iran!

Una storia delicata, difficile, piena di solidarietà e di forza… ma a volte un solo giorno può cambiare un’intera vita. 

È impossible? Dopo aver ascoltato la sua storia non lo direte mai più.

https://fb.watch/3V_pCVpWZF/

RNP: Quattro chiacchiere con Patrizia Panico

 

Alessandra Spagnolo chiacchiera in diretta sul canale igtv di RNP  con l’iconica Patrizia Panico, ex attaccante di serie A e della Nazionale femminile di calcio.

Patrizia fu capocannoniere del campionato per ben 14 volte.

Ora è la Ct dell’under 15 Nazionale maschile.

Nella puntata si parla delle sue esperienze calcistiche e dello sviluppo del calcio femminile.

#calciofemminile #patriziapanico #ragazzenelpallone #calcio #attaccante #azzurre

ADRIANO CAPRA – L’intervista

Un calciatore con un grande e lungo percorso nel calcio professionistico e che ha legato la sua carriera a due momenti ben precisi: la strepitosa annata con il Taranto che fino al febbraio 1978 pareva destinata a chiudersi con una miracolosa quanto meritata promozione in Serie A … prima che un tragico incidente si portasse via “l’uomo gol” di quella meravigliosa squadra: Erasmo Iacovone e con lui le speranze di calcare finalmente i palcoscenici prestigiosi della  Serie A. L’altra è quella legata alla sua città adottiva, dove Adriano ancora oggi è popolare, amato e stimato: Parma. Quel Parma che al termine della stagione 1972-1973 conquistò la promozione nella serie cadetta dopo il drammatico e trionfale spareggio di Vicenza contro l’Udinese.

Finita la carriera nel calcio professionistico Adriano è sempre rimasto nel mondo del calcio, come allenatore prima (cogliendo importanti risultati nel calcio dilettantistico) e come dirigente in seguito.

Adriano oggi si racconta a noi alla sua maniera: con estrema onestà e senza inutili giri di parole.

La squadra per cui tifavi da bambino

 La squadra per cui ho sempre tifato e’ il MILAN

Il tuo primo idolo calcistico

 Il mio idolo era Gianni RIVERA, giocatore fantastico.

L’avversario più forte che hai incontrato

 Ne ho incontrati tanti che farvi un nome e’ difficile.

Il compagno di squadra più forte con cui hai giocato
 E’ sicuramente Ivan ROMANZINI, mio compagno di squadra al Taranto. Non troppo conosciuto al grande pubblico ma giocatore completo e di grande carisma.

L’avversario più … “antipatico”

 Antipatici nessuno. Si può discutere, litigare e magari darsi qualche bel calcione … ma usciti dal campo è tutto finito.

Il compagno di squadra più simpatico

 Sicuramente  Lamberto BORANGA. Un personaggio !

L’allenatore più bravo che hai avuto

Gianni SEGHEDONI. Fama di “sergente di ferro” ma persona competente e di grande spessore umano.

L’allenatore … meno capace …

Quello meno capace o meglio quello con cui ho imparato meno e’ stato Cesare MALDINI a Parma.

Un calciatore con cui avresti voluto giocare
Sono tanti che è difficile fare un solo un nome !

Vi dico Roberto ROSATO del TORINO, stopper della Nazionale ai Mondiali del Messico nel 1970. Lui giocava in prima squadra nel Toro nel periodo in cui ero nel settore giovanile. In campo non ce l’ho mai fatta a giocare con lui … ma per fortuna qualche partitella in allenamento si !

Un calciatore che avresti voluto allenare
 Di campioni ce ne sono stati tanti ma alla fine si casca sempre su di lui … su Gianni RIVERA !

Un allenatore che avresti voluto avere
Un allenatore molto bravo e che forse meritava di più’ e’ OSVALDO  BAGNOLI. Sarebbe stato bello poter lavorare con lui.

Il Club dove hai lasciato il cuore

Probabilmente a Taranto dove ho vissuto 4 anni di momenti davvero molto belli ma anche molto tristi. Ancora oggi quando mi capita di tornarci il ricordo e l’amore della gente non sono mai spariti.

Il più bel ricordo calcistico in assoluto

Il ricordo più bello e’ la vittoria del mio primo campionato a PARMA. Stagione davvero indimenticabile.

La più grande delusione

Non aver avuto la possibilità’ di giocare in Serie A.

La partita che ricordi con più piacere
Senza ombra di dubbio lo spareggio a Vicenza tra PARMA  e UDINESE che ci permise di conquistare la promozione in Serie B. Giornata meravigliosa ed indimenticabile.

La partita che vorresti dimenticare
 RIMINI – TARANTO, la prima partita dopo la morte del povero Erasmo IACOVONE.

La cosa che meno ami del calcio moderno

La distanza che si è venuta a creare tra pubblico e giocatori. Ai miei tempi c’era un rapporto molto diverso, più vero e genuino. Ora i calciatori sono “lontani” dalla gente.

Quella che più rimpiangi del “tuo” calcio

 L’amicizia tra noi giocatori. Si creavano rapporti che potevano durare una vita.

Il calciatore più forte che hai allenato

 A livello dilettantistico  Luca MONTALI

Il calciatore attuale che apprezzi maggiormente

 Sicuramente  Cristiano RONALDO

Il calciatore nel quale ti riconosci di più

 Mi rivedo abbastanza in Leonardo BONUCCI, un difensore però capace di impostare il gioco.

L’allenatore che è stato il tuo punto di riferimento

Sempre Gianni SEGHEDONI per i suoi insegnamenti in campo ma soprattutto per la persona che era fuori dal campo.

Un allenatore attuale che ammiri

 Stefano  PIOLI

La qualità più importante per un allenatore

Penso che la qualità migliore per un allenatore sia la capacità di comunicazione con i giocatori, fondamentale per ottenere il meglio da ognuno di loro.

Lo schema di gioco preferito e perché

 Lo schema lo fai in base ai giocatori che hai.

Formazione ideale tra i tuoi ex-compagni di squadra

Non è affatto facile ma ci provo ! PETROVIC  BIAGINI  CAPRA  SPANIO  DAOLIO  ROMANZINI  SEGA  ANTOGNONI  IACOVONE  SELVAGGI  RIZZATI

Formazione ideale tra i calciatori che hai allenato

 Questa è davvero troppo difficili ! Sono davvero tanti che non saprei chi scegliere.

Un grazie di cuore ad Adriano Capra, persona “vera”, genuina e con una passione per il calcio che non si è mai assopita.

Davide Domeniconi: più per fare che per apparire!

Arrivo alla domenica mattina davanti alla casa di Prelerna diventato rifugio importante dai ritmi della città per Davide e la sua famiglia. Dobbiamo scendere “alla Bassa” per bere una birra con i compagni di corso ma, come al solito,  io sono in ritardo e devo ancora finire di preparare l pacchi per le varie stupidate da distribuire durante il pranzo per fare un po di festa tra di noi.

Non c’è bisogno di dire più di tanto. Con i piedi sotto la tavola in pochi minuti vengo accolto, rifocillato e davanti al caffè caldo ci ritroviamo coinvolgendo la famiglia ad impacchettare e smistare le varie cose. Sinceri, pratici, accoglienti. Così è Davide e così è la sua famiglia.

Partiamo e Davide racconta, restando in clima montanaro, di aver “arato” per 4 lustri i peggiori campi calcistici di Parma e Modena, sia in seconda e terza categoria che negli amatori. Al termine del campionato 2008-09 la decisione di terminare l’attività agonistica.

Come sei diventato mister?

Conclusi la “carriera” calcistica facendo anche da allenatore nella squadra di terza categoria dove avevo giocato gli ultimi anni a San Vito di Spilamberto a Modena. Il direttore sportivo del Vicofertile Ugolotti sapendo di questa mia esperienza e conoscendomi come genitore di una loro atleta, mi ha contattato per entrare nei loro quadri come allenatore e fu una richiesta che accettati con molto entusiasmo.

Per conoscerci reciprocamente, il primo anno feci il secondo al tecnico della prima squadra (Mr. Miodini), poi l’anno successivo mi affidarono la juniores provinciale e nei due anni seguenti allenai l’annata 1997, con i quali partecipammo al campionato giovanissimi ed allievi provinciali.

Poi passai alla società Fraore, dove mi affidarono l’annata 2000, con i quali partecipai a due campionati Giovanissimi ed uno di Allievi; quest’ultimo con due squadre (una FIGC e l’altra CSI) in comunione, ed a nome, San Leo.

Al termine di questa esperienza triennale, volli prendermi un anno di pausa con le giovanili ed andai a fare il secondo ad un amico che si apprestava ad allenare l’Inter Club in seconda categoria (Mr. Zaccardi). Terminata l’annata perdendo i play out, mi fu offerto di tornare a Vicofertile come responsabile del settore femminile, settore che conoscevo discretamente bene per la militanza di mia figlia prima nella Reggiana Femminile, poi nel Parma Academy e, contestualmente, in vari anni delle varie rappresentative regionali.

Questa nuova esperienza fu splendida sia come risultati e sia dal punto di vista umano ma fu estremamente impegnativa ed ebbe fine al termine dell’annata sportiva con la cessione di tutto il settore al Parma Academy.

Dopo un breve periodo di assenza da figura attiva nel calcio, rientrai al Fraore; dove, dopo un anno di collaborazione nei quadri societari, mi hanno affidato l’annata 2003 che si apprestava a partecipare al campionato Juniores assieme, ed in nome, al Lemignano 1988; e questo è il presente.

Dal corso UEFA C (Settembre – Dicembre 2020) cosa ti porti a casa?

Senza voler scendere nei dettagli, il corso è stato interessantissimo ma estremamente impegnativo sia per gli orari e sia per la varietà e complessità delle materie.

Beh, innanzi tutto, per il sottoscritto è stato un trauma dovuto alla scarsa preparazione tecnico-tattica avuta per i miei trascorsi agonistici di basso livello ma, soprattutto, è stato un cambio epocale: iniziai a giocare quando si marcava a uomo, con la difesa sempre schierata nella propria metà campo e con la profondità sempre coperta dal libero; con allenamenti che, definirli a secco, è un eufemismo. Successivamente all’arrivo di Mr. Sacchi e del grande Milan, si passò a giocare a zona, che imparai in età adulta; e con gli allenamenti rimasero in parte a secco ed in parte di reparto (con schemi per qualsiasi situazione di gioco). Ora il corso mi ha aperto un nuovo mondo, fatto di gioco, verifica, gioco; incentrando l’attività di formazione sul completo sviluppo del giovane atleta, che in futuro dovrà essere pronto ad applicare le filosofie di gioco del Mister del momento.

Nella specificità, oltre in generale a questo nuovo approccio alla crescita del giovane calciatore, mi ha appassionato l’enorme potenzialità degli Small Sided Games; per l’applicazione dei quali è comunque necessaria un’approfondita specifica conoscenza ed una notevole esperienza sul campo.

Infatti, giocando con le variabili applicabili, sarebbe possibile impostare gli allenamenti quasi completamente con queste esercitazioni, quasi dimenticandosi della parte atletica a secco. Considerato che l’attuale situazione pandemica ha stravolto la mia programmazione dell’anno in corso, quando sarà possibile tornare ad allenarsi normalmente, ho intenzioni di integrarli gradualmente nei miei allenamenti.

Come imposti la programmazione degli allenamenti?

A proposito della programmazione annuale, devo ammettere di essere fortunato in quanto, da quando sono entrato nel Fraore, grazie all’impegno ed alla competenza di chi segue la Direzione tecnica (Mr. Reale), ho sempre avuto come linea guida alla programmazione annuale un vademecum societario diviso per annate, e specifici incontri di verifica comune tra i vari Mister; dato per cui, quando si è affrontato lo specifico argomento durante il corso, per me era un “déjà vu”.

Normalmente, l’annata la “traccio” durante le ferie estive, dividendo il programma societario in mesocicli e sviluppando la preparazione.

Durante il periodo precampionato, aggiorno il primo mesociclo di allenamenti del periodo agonistico per adeguarlo alle risposte ed alle esigenze evidenziatesi in preparazione; e, con la medesima filosofia, organizzo di volta in volta ciascuno dei mesi successivi. Le variabili al programma sono fondamentalmente due: la verifica dell’andamento di ogni singolo allenamento, che può portare a soffermarsi su una specifica attività più volte del previsto; oppure l’evidenziarsi di una particolare difficoltà durante le gare, che può portare ad “aprire” una specifica parentesi in parte di un microciclo.

Un mister con i “fiocchi”…

No, no…non mi “spaccio” come un Mister professionista, anzi; ma sicuramente cerco di essere il più attento e professionale possibile, senza scordarmi la mia principale convinzione che ho del giovane sportivo, cioè che prima di essere atleti affermati bisogna essere Persone, in quanto non esiste campione se non si è corretti, affidabili ed umili.

Inoltre, personalmente ritengo che tutti i ragazzi, indicativamente fino alla pre-adolescenza, debbano avere la possibilità di fare più sport, per poi scegliere quello di maggiore soddisfazione. Successivamente, saranno le specifiche capacità e motivazioni che gradualmente definiranno il livello di competizione sostenibile da ciascun ragazzo nello sport.

Dato per cui, se volessi definirmi esattamente, più che un Mister mi considero un educatore; poi è indiscutibile che devo ai ragazzi, ed alla società sportiva di appartenenza, la migliore formazione atletica e tecnico-tattica possibile ma nella mia scala dei valori non è l’obiettivo primario. Sono fermamente convinto che lo sport giovanile sia uno dei pochi mezzi rimasti a disposizione per preparare i ragazzi alla vita adulta in una ambiente “protetto”, cioè sotto l’attenta guida di adulti che li aiutino a gestire le varie esperienze che i ragazzi devono provare per crescere.

Questo mi fa venire in mente un paio di aneddoti che porto nel mio cuore e che mi danno le motivazioni per continuare: uno è il ringraziamento avuto da un ragazzo, poco e male utilizzato dai precedenti Mister per le scarse attitudini atletiche, che al termine della cena con la quale mi congedavo da loro, mi disse: Mister, io amo il calcio da sempre ma non ne ho le capacità per ambire ad una carriera, però Lei mi ha fatto sentire importante per la squadra, insegnandomi come valorizzarmi in questo gruppo e gli altri me lo hanno riconosciuto.

L’altra è stata incontrare causalmente un paio di ragazzi che avevo allenato qualche anno prima, e che erano quelli che più faticavo a coinvolgere con continuità negli allenamenti. Questi, dopo i vari convenevoli, si scusarono i per i comportamenti avuti, ringraziandomi per quanto gli avevo cercato di dare.

Quando mi hai chiesto la disponibilità di presentarmi ai lettori del MiserOne e mi hai chiesto le foto a corollario dell’articolo, dopo un attimo di silenzio, ho dovuto ammettere che, nonostante i tanti anni passati in panchina, ho ben poche foto dove appaio all’opera, escludendo quelle istituzionali d’inizio anno delle specifiche squadre (che sono ben poco interessanti a questo scopo).

Per spiegare questo aspetto del mio carattere, Vi ripropongo la risposta che diedi al mio attuale datore di lavoro durante il colloquio, quando mi chiese di sintetizzare con una frase il mio modo di essere: sono più per fare che per apparire.

Ed a questo proposito posso concludere raccontando un altro aneddoto:

quando era coordinatore del femminile del Vicofertile, il rappresentante locale del SGS chiese a noi ed al Parma Academy di organizzare un open day femminile dedicato alle studentesse delle scuole medie. Alla fine dell’attività, i miei collaboratori mi informarono che il responsabile della comunicazione del Parma Academy aveva fatto interviste e fotografie ai vari staff ed agli organizzatori ma non mi avevano trovato. Candidamente gli comunicai che avevano guardato male perché, durante le loro interviste, ero stato nel campo da gioco intento a raccogliere le attrezzature utilizzate.

Tornando al discorso delle foto, stando al giudizio della mia gentile e paziente consorte, oltre all’immancabile foto istituzionale di squadra le altre due foto mi rappresentano in pieno: in una mi si vede serio ed attivo durante una partita e nell’altra gioiosamente rilassato in mezzo ai ragazzi al termine di una attività.

Saluto tutti i lettori e li ringrazio per il tempo dedicatomi.

Cosa dire Davide, sei un signore…come sempre!