1 contro 1 di squadra

Esercizio che aiuta i giocatori a capire che devono stare vicini all’avversario e a non lasciare che questi si liberino. In un continuo 1 contro 1 tenteranno di difendere il loro cono e la loro palla ma allo stesso tempo dovranno attaccare per ottenere punti.

1 contro 1

Dividiamo i giocatori in due squadre da cinque. Creiamo delle coppie tra ogni giocatore di una squadra con un membro della squadra opposta. Ogni coppia ha una palla e deve difendere e attaccare contro il giocatore con cui si è accoppiati.

I coni valgono 2 punti mentre le palle 1 punto. Ogni volta che il cono viene rovesciato (o la palla viene fatta cadere) la squadra ottiene i punti. E’ necessario rimettere a posto il ​​cono o le palle ogni volta che vengono abbattute. Gioca per tre minuti e poi pausa veloce prima di iniziare il secondo tempo in cui si possono cambiare le coppie.

In genere organizzo un torneo per aumentare la competizione tra i ragazzi organizzando varie squadre che si affronteranno tra di loro.

Ne salta fuori un gioco veloce e intenso su tutto il campo con palle che volano ovunque. In questo modo i giocatori si abituano a partite in cui hanno soprattutto la responsabilità di impedire agli avversari di passare a centrocampo.

Se l’avversario si libera i giocatori devono cercare di fermare il tiro del giocatore attaccante negando lo spazio o costringendolo a tirare dalla distanza

Dividere i difensori

Semplice esercizio per migliorare il passaggio e il processo decisionale adatto ad esordienti e giovanissimi.  Lo scopo è quello di passarsi la palla e dividere i difensori.

dividere i difensori

Questo esercizio è idealmente giocato da tre squadre di due giocatori, ma si ha un numero irregolare non è un problema. L’esercizio può essere giocato anche da squadre di tre giocatori.

Due squadre (gli attaccanti neri e rossi) sono distribuiti all’esterno del quadrato e giocano a passarsi la palla contro la terza squadra (i difensori grigi) che si trovano all’interno del quadrato..

Una squadra attaccante ottiene un punto ogni volta che riesce a passarsi la palla senza che i difensori la intercettino.

Se la palla viene intercettata da un difensore la squadra che ha commesso l’errore entra nel quadrato.

Per rendere il gioco competitivo si può gareggiare a tempo contando i passaggi che ogni squadra riesce a fare nel tempo assegnato.

Successivi sviluppi potrebbero essere di limitare gli attaccanti a due o tre tocchi, oppure di variare la grandezza del quadrato a seconda delle caratteristiche dei giocatori oppure ancora di inserire all’interno del quadrato anche gli attaccanti in modo da permettere ai difensori il tackle diretto sul portatore di palla.

Le varianti sono molte. Lo scopo di dividere i difensori è quello di sottolineare i gesti tecnici (qualità del passaggio, ricezione, orientamento, intercetto, ecc) perché aiutano a velocizzare l’idea di gioco. Sulla qualità del gesto tecnico si può incidere notevolmente con il lavoro quotidiano.

E’ necessario creare esercizi dove i giocatori devono ragionare in continuazione. Creare sempre “situazioni di partita” affinché il giocatore ottimizzi e preservi più informazioni ed esperienze possibili, per poterle attingere durante la partita.

E’ per questo che un esercizio semplice come dividere i difensori può in realtà diventare molto importante se affrontato sottolineando gli obiettivi giusti ma anche con la giusta voglia di divertirsi. La competizione metterà in condizione i ragazzi di fare “vivere” entrambe le situazioni.

Guardie del corpo

Gioco adatto ai ragazzi più giovani. L’obiettivo è proteggere la porta e il portiere attraverso le guardie del corpo (difensori) e allo stesso tempo fare goal nella porta avversaria con l’assassino (attaccante).

Guardie del corpo

Dividiamo il campo in 3 zone di uguali dimensioni con un portiere, due difensori (guardie del corpo) e un attaccante (assassino). per ciascuna zona. Dobbiamo anche avere a disposizione una quindicina di palloni fuori dal campo a disposizione dei giocatori.

Le guardie del corpo (difensori) devono rimanere nella loro zona e proteggere il loro portiere mentre l’assassino (attaccante) tenta di segnare punti battendo il portiere di una delle squadre avversarie. L’assassino per segnare deve andare nella zona dell’avversario creando situazioni 2 contro 1 o 1 contro 1 (2 assassini possono scegliere lo stesso portiere).
Ogni assassino ha 5 colpi (5 palloni a disposizione ) e deve tornare nella propria zona per raccogliere una nuova palla dopo ogni tiro mentre le guardie del corpo devono restare nelle loro zone.

Ruota i ruoli dei giocatori dopo ogni serie di 5 colpi. Ovviamente vince chi ottiene più punti.

In questo semplice gioco possiamo lavorare con i più piccoli sul tiro, sui difensori e sulla comunicazione del portiere.

Il fatto di essere tre squadre quindi dispari mette i ragazzi in una condizione di visione di gioco ottimale sia per chi attacca che per chi difende. La scelta per due attaccanti di poter scegliere la stessa squadra da attaccare oppure di aspettare lo scontro 1 contro 1 diventa il vero scopo del gioco.

Un successivo sviluppo potrebbe essere che se le guardia del corpo (difensori) ottengono il possesso palla possono contrattaccare la squadra dell’assassino (attaccante) per guadagnare punti extra.

Cosi il concetto di visione di gioco appena espresso per gli attaccanti si espande a tutta la squadra.
Togliendo gli obblighi difensivi nell’area chiunque può segnare o difendere. Questo permetterà al mister di sottolineare il processo decisionale dei ragazzi: attacco avventato o difesa prudente?

Esercizio legato alle età più piccole che però lascia ampi spazi di intervento per lavorare sui ragazzi facendoli divertire.

Rimbalzo

Da una delle partite giocate nel weekend è emersa la necessità di lavorare sul passaggio, sull’uno due (rimbalzo) e sul possesso palla. I nostri avversari infatti forti di un campo molto ampio e sintetico (a cui noi non siamo abituati) ci hanno massacrato con ripartenze frequenti sui nostri errori di possesso giocando la palla con passaggi precisi e sfruttando le zone di campo che noi non riuscivamo a coprire.

Questa esercizio permette di allenare quindi la verticalizzazione delle giocate sfruttando gli errori degli avversari e provando a giocare palla avanti, palla indietro attraverso la finalizzazione in porta per abituare i ragazzi a creare spazi con il proprio movimento e una continua circolazione della palla. 

Rimbalzo

Dividiamo i giocatori in due squadre, una di sei e una di sette giocatori. La squadra di sette ha tre giocatori nell’area di gioco e un giocatore accanto a ciascuna porta. La squadra di sei a tutti nell’area di gioco e prima di tirare nelle porticine per segnare deve effettuare un possesso palla di cinque passaggi. L’altra squadra con i 3 giocatori deve fare pressione per interrompere il possesso avversario e in caso di riconquista della palla passarla ai propri compagni vicino alla porta per fare un uno due (rimbalzo) e segnare nella porticina.

Gli attaccanti hanno bisogno di buone abilità per pressare e forzare l’errore degli avversari . Nel momento poi che vincono la palla devono scegliere la zona giusta dove effettuare un buon passaggio per un proprio compagno vicino alla porta che “rimbalza” il passaggio per permettere il conseguente tiro in porta.

Ovviamente il numero dei giocatori può variare ed è opportuno cambiare spesso i 3 giocatori fanno pressione all’interno del campo ma è indispensabile far passare il concetto che sia per il possesso palla sia per la verticalizzazione e il conseguente rimbalzo (uno – due) prima di tirare in porta ci debba sempre essere un buon movimento del giocatore per creare quegli spazi necessari a gestire bene le proprie azioni.

Prima di questo esercizio ritengo utile lavorare anche sull’esercizio della sovrapposizione a due sempre per rafforzare il concetto di movimento e metterli in condizione di gestire il possesso palla in modo opportuno.

Scalpo: cinquant’anni e non sentirli!!!

L’altro giorno ho partecipato ad un incontro tra mister in una piccola società in provincia di Modena ed ho sorriso con piacere quando tra le varie proposte di riscaldamento dei ragazzi è saltato fuori come proposta il gioco dello scalpo. 

La passione con cui il mister (poco più di ventenne) spiegava questo gioco mi ha scaldato il cuore ripensando dall’alto dei miei 50 anni che era un gioco che facevo fin dalle elementari e mi piaceva molto perché pur coinvolgendo tutta la squadra esaltava le doti atletiche e strategiche dei singoli.

Scalpo

Anche se molto conosciuto è obbligatoria qualche spiegazione del gioco. I partecipanti sono divisi per squadre ed hanno una pettorina (scalpo) inserito nei pantaloncini dalla parte della schiena. I giocatori al fischio del mister devono muoversi e dovranno cercare di rubarsi  la pettorina senza farsi sfilare la propria.

Se la pettorina di un giocatore viene rimosso, è fuori dal gioco.

Ogni pettorina rubata corrisponde ad un punto assegnato alla squadra di appartenenza del giocatore che ha sfilato la pettorina all’avversario. Vince la squadra che elimina tutti gli avversari o che totalizza il punteggio migliore dopo un determinato tempo di gioco.

E’ un buon riscaldamento per mettere i giocatori nella mentalità giusta in vista della partita o dell’allenamento.

Ricordo che prima di giocare ci si metteva d’accordo per proteggersi o per andare all’attacco di determinate persone della squadra avversaria (in genere i più pericolosi). Tuttora lo ritengo molto utile per vedere le capacità organizzative dei ragazzi e l’evolversi delle varie strategie.

Scalpo

Per esperienza meglio definire regole precise per i ragazzi in modo che non si creino dubbi di alcun tipo (accadeva anche quando ero piccolo!).

Chi viene preso è meglio che si sieda per terra o in un punto fuori dal campo in modo che chi gioca possa vedere chi è fuori combattimento. 

Stabilire un punto di raccolta per gli “scalpi”  in modo da poter consegnare gli scalpi conquistati e di evitare imbrogli per vedere chiaramente chi è in lotta e chi no.

Da Mister ma anche da giocatore incallito penso sia molto importante fare poi la sintesi del gioco evidenziando alcuni principi di tattica: 

– chi combatte da solo finirà sempre per farsi prendere, qualunque sia la sua forza e la sua astuzia. Forse avrà fatto bella figura, ma non sarà servito alla sua squadra;

– una squadra che agisce unita, con i deboli inquadrati coi forti e la schiena protetta, e che manovra con una strategia precisa concordata prima è praticamente invincibile.

Grazie al giovane mister che vivendo con passione il gioco dello scalpo mi ha fatto rivivere le emozioni di quegli anni passati e rinnovato l’utilità di un gioco efficace, atletico e tattico….divertimento assicurato!

Chi vince regna

Chi vince le partite sui campi esterni avrà la possibilità di segnare nel campo principale. Chi vince regna è un ottimo esercizio per gestire la palla soprattutto usando le abilità di movimento e di smarcamento con l’obiettivo di andare a segnare il prima possibile.

Chi vince regna

Nel campo principale si gioca un partita 4 contro 4. Negli altri tre campi più piccoli si giocano 3 partite 2 contro 2 con l’obbligo di segnare 3 goal per avere il diritto di giocare sul campo principale. Quando questo avviene la coppia che ha segnato 3 goal va a dare il cambio a un paio di compagni che stanno giocando nel campo principale e si scambiano i posti.

La partita da vincere è quella nel campo principale. Una regola che di solito metto è che il risultato della partita finale è valido se tutte le coppie dei campi esterni hanno partecipato almeno una volta al gioco nel campo principale.

Se questo non dovesse avvenire tolgo 3 goal per ogni coppia che non è riuscita a partecipare.

Se non ho abbastanza ragazzi gli abbinamenti non sono rigidi, posso trasformare i 2 contro 2 in 1 contro 1 oppure il 4 contro 4 in un 3 contro 3. L’importante è avere chiari gli obiettivi su cui poter lavorare nei campi esterni.

Nell’esercizio proposto infatti le partite con il 2 contro 2 sono fondamentali per gestire sia in fase difensiva che offensiva la collaborazione con il compagno. La copertura per evitare passaggi filtranti, il temporeggiare per allargare la corsa dell’avversario, Stare più o meno vicini all’avversario sono tutte situazioni da evidenziare ai ragazzi mentre giocano le partitelle in modo da rafforzare la loro analisi della situazione.

Quando poi si troveranno a giocare nel 4 contro 4 dovranno abituarsi velocemente a collaborare con più compagni ed è importante abituare i ragazzi ad un continuo cambiamento di situazione in modo da avvicinare alle scelte e alle strategie da adottare in partita sia dal punto di vista offensivo che difensivo.

Ogni allenatore, quindi, nell’esercizio chi vince regna con la propria capacità di osservazione ed analisi, potrà estrapolare da questi campi di gioco (sia i campi esterni che quello centrale) le “situazioni” che ritiene importanti per sottolineare principi e comportamenti rispetto alle decisioni che prendono i ragazzi.

Sfruttare la superiorità – Dall’1 vs 1 al 3 vs 2

Nel pensare alla formulazione di questo articolo, sono caduto con la mente in un importantissimo flashback. Avevo appena finito di condurre il classico allenamento del mercoledì, sotto gli occhi di un allenatore di una società professionistica. Ci ritrovammo con lui nello spogliatoio per il feedback post allenamento, e in quei dieci minuti di chiacchierata mi disse una frase che cambio radicalmente il mio modo di allenare. Ero uno di quegli allenatori che amava i “piccoli passi”, esercizi inizialmente molto semplici e scarni per essere appresi alla perfezione, senza mischiare troppe cose in un tempo unico.

Quando sentii la frase “abbi il coraggio di alzare l’asticella”, capii che stavo sbagliando tutto e che stavo diventando probabilmente quasi un ostacolo per la crescita dei miei giocatori. In poche parole…non li mettevo alla prova, ma ponevo loro dei compitini.

L’esercizio che propongo oggi è molto semplice è, appunto, un mix di tematiche che se affrontato con la giusta determinazione garantisce una intensità molto importante.

Costruire un campo di gioco dalla forma esagonale predisponendo tre porte disposte per avere un lato libero tra una porta e l’altra.

superiorità
Le tre porte e il centro dove verrà posizionato il pallone

Prima fase: 1 vs 1 – Due giocatori partono dai lati senza porta e corrono alla conquista della palla disposta al centro dell’esagono. Una volta conquistata la palla, l’obiettivo sarà il gol con un tempo minimo di 5-6 secondi.

Seconda fase: 2 vs 1 – Se il ragazzo nella precedente fase ha segnato entro il tempo stabilito, un compagno di squadra posizionato fuori dall’esagono entrerà a dargli sostegno in un 2 contro 1.

Se il ragazzo nella precedente fase, ha segnato dopo il tempo stabilito oppure ha calciato la palla fuori, entrerà un avversario in più e diventerà il giocatore in inferiorità in 2 contro 1.

L’allenatore o i giocatori esterni in attesa, passeranno la palla sempre alla squadra in superiorità. L’obiettivo è il medesimo della fase precedente, il gol, calando il tempo a 3-4 secondi.

Terza fase: 3 vs 2 – Le condizioni di entrata dei giocatori sono le stesse della fase precente.

Se la coppia in superiorità ha raggiunto l’obiettivo nel tempo stabilito, entrerà un compagno in loro aiuto e un avversario per il 3 contro 2 sempre in superiorità.

Se la coppia in superiorità non ha raggiunto l’obiettivo o non ha rispettato i tempi, entreranno due avversari e arriverà a giocare un 2 contro 3 in inferiorità numerica.

L’esercizio si può prolungare anche per lungo tempo, perchè sicuramente i ragazzi si divertiranno. Per le fasce più piccole, si può raccogliere un punteggio e creare una sfida con un rinforzo finale per renderla più accattivante.

Il 6vs6 del Cholo Simeone

Ho iniziato ad appassionarmi al calcio verso la fine degli anni Novanta.  Era forse il periodo di massimo splendore per il calcio italiano, e se dovessi mettermi a citare i giocatori che ho visto dal vivo al Tardini di Parma potrei cadere in una rapidissima depressione nostalgica.

Proprio in quegli anni cominciavo anche la mia “carriera”da calciatore; per anni ho giocato con passione in mezzo al campo, per cui ogni domenica era batticuore pure ad osservare i miei due idoli Dino Baggio e Boghossian.

C’era un altro personaggio che dai tempi dell’inter mi aveva sempre incuriosito per il suo essere sanguigno, ma allo stesso tempo per il grande cervello che sempre mostrava: Diego PABLO Simeone, come recitava la figurina Panini, quello che anche i più giovani conoscono come il Cholo.

Il vero e proprio amore verso di lui fu consacrato però nell’anno 2000, quando il Cholo, giocatore passato alla Lazio, con un gol che ancora mi mette i brividi andò a rubare ai miei grandi “nemici” juventini lo scudetto di quell’anno…proprio a casa loro!

Da qualche anno ormai si è ritagliato il posto fisso nella lista dei migliori tecnici in circolazione e, pur non essendo come spettatore proprio innamorato del suo calcio, da allenatore voglioso di apprendere posso invece dire che l’ordine che la sua squadra trasmette è, in gergo, TANTA ROBA. 

 

Vi allego adesso il video di un esercizio, un 6 vs 6,  che un mio amico mi mostrò qualche anno fa e che per me ha significato tanto in quanto allenatore.

In campo si contrappongono due linee a 4, con l’obiettivo di servire, velocizzando il più possibile la manovra, le due punte sotto porta. La linea che difende dovrà essere brava a posizionarsi in uscita  (attenzione massima alle diagonali!!) e a chiudere la luce alle punte, che dovranno essere veloci e brave a cercare lo spazio giusto.

Le varianti sono infinite….basta armarsi di fantasia!!   L’ho utilizzato in tutte le salse, ogni volta con una piccola diversità.

Inizialmente curavo un obiettivo per volta singolarmente, che fosse l’uscita della linea a 4 (difesa o centrocampisti) sul pallone, la circolazione rapida curando la postura nella ricezione,  la ricerca della luce della punta con la verticalizzazione ad essa, prima a palla bassa, poi alta per allenare l’abilità (e la postura!!) del difensore nello scappare ecc ecc.  Interessante fu anche l’inserimento della possibilità di 1 vs 1 frontale per andare in gol una volta vinto il duello.

Chiaramente la pazienza è stata fondamentale, ma già alla fine del primo anno di Giovanissimi B vedevo che i ragazzi riuscivano ad inserire in maniera automatica tutti gli obiettivi singoli dei mesi precedenti e a far diventare tutto, con le giustissime proporzioni, un “modello Atletico Madrid” divertente da vedere e soprattutto da FARE!

Allego il video a cui, ripeto, sono molto affezionato.

https://www.youtube.com/watch?v=pNNTqISURbw

 

Allenarsi con le partitelle: 4 contro 4 cambiando avversari

Allenarsi con le partitelle significa che alcuni obiettivi vano chiariti prima dell’allenamento e definiti per ogni partitella. Ad esempio le squadre devono essere in grado di muovere rapidamente la palla per costruire un attacco efficace mentre i difensori devono essere in grado di coprire la palla e intercettare le linee di passaggio su diverse situazioni.

 

Possiamo dividere il campo in questo modo e iniziare con due partite giocate simultaneamente in orizzontale. Ognuno dei campi sarà abbastanza affollato ma i giocatori devono imparare a sentirsi a proprio agio in queste situazioni e cercare di prendere le giuste decisioni su come passare la palla e come muoversi.

 

Dopo un certo tempo o un certo numero di goal cambiamo avversari e direzione del campo giocando in verticale.

Come mister alterniamo le partite in modo da far assumere in campo rapidamente ai giocatori le giuste posizioni in relazione alla nuova direzione di gioco.

L’ultima situazione di gioco sarà un 8 contro 8 dove ciascuna delle squadre ha quattro porte per segnare e deve difendere le altre quattro porte. . L’allenatore passa continuamente le palle sul campo affollato e i giocatori devono cercare di aprirsi e fare un buon passaggio a terra attraverso una delle loro porte per segnare.

Difesa attiva

Lavorare sulla difesa attiva significa sviluppare giochi che permettono la cooperazione dei reparti per obiettivi comuni.

Questo gioco si concentra sul modo migliore in cui i difensori possono affrontare una palla che viene giocata nello spazio dietro di loro.

Posizionare sul campo 3 squadre di quattro giocatori ciascuna  (portieri sono opzionali).

La squadra nera si difende dalla squadra rossa. Un giocatore della squadra blu gioca la palla sopra le teste della squadra rossa (il portiere, se presente, rimane nell’area) I giocatori dovrebbero reagire non appena viene giocata la palla.

Se la squadra nera può controllare la palla comincia a giocare con la squadra squadre blu e se oltrepassa la linea di metà campo, segna un punto. Se la squadra rossa vince il possesso, può attaccare la porta e fare goal.

L’inizio del gioco deve avvenire sempre a metà campo. A rotazione si girano le 3 squadre. E’ importante che la palla venga giocata sempre in velocità e che si richiami a corsa di recupero di ogni giocatore per fornire supporto e copertura con relativa comunicazione. Se c’è il portiere sul passaggio è meglio se gioca di prima.

Se i difensori sono più vicini agli attaccanti il gioco diventa più difficile.