Tom Brady: da Gisele al pigiama… i 5 segreti del campione

Tom Brady, a 43 anni, ha vinto il suo settimo titolo di Football americano, trascinando i Tampa Bay al successo nel SuperBowl. 

L’asso della palla ovale è uno sportivo modello, è accompagnato dalla modella brasiliana Gisele Bundchen e segue una dieta ferrea: ecco i segreti del suo successo.

Tom Brady ha conquistato il suo settimo SuperBowl e il quinto titolo di migliore in campo. Il quarterback è una leggenda del football americano, come Maradona per il calcio, Michael Jordan per la pallacanestro, Mohamed Alì per la boxe.

Tom Brady è una celebrità senza rivali in attività: ha lasciato i New England Patriots dopo sei titoli per rimettersi in gioco nei Tampa Bay Buccaneers, che fino a domenica avevano vinto soltanto un SuperBowl.

Non c’è stata partita per i Kansas City Chiefs. Trascinata da un sontuoso Tom Brady, i Tampa Bay hanno condotto i giochi fin dai primi minuti della partita, vincendola senza problemi con un netto e dominante 31-9, davanti a circa 30mila spettatori che, nonostante il Coronavirus, hanno ugualmente assiepato il Raymond James Stadium di Tampa, in Florida: c’era l’obbligo per tutti di essere stati testati o vaccinati, ma il distanziamento sociale, per una notte, è andato a farsi benedire.

Tom Brady: i cinque segreti. Giselle e la dieta

Ma quali sono i segreti di Tom Brady, che a 43 anni continua a dominare la scena e non conosce rivali? 

Il primo segreto è la dieta “antinfiammatoria e alcalina”. Non assume zucchero bianco, farina bianca, niente glutammato. Per cucinare usa l’olio di cocco, l’olio d’oliva soltanto a crudo.

E poi ancora: pomodori una volta al mese, niente funghi, peperoni, melanzane e latticini. Il sale? Solo quello rosa dell’Himalaya. E mangia poca frutta, solo qualche banana.

Il secondo segreto è una famiglia felice. A veder giocare e vincere Tom Brady l’altra notte c’era l’attuale compagna, la modella brasiliana Gisele Bundchen e l’ex moglie Bridget Moynahan, dalla quale ha avuto un figlio, Jack, che ora ha 13 anni.

Tom Brady e il pigiama speciale

Il terzo segreto è il più bizzarro. Tom Brady dorme indossando un pigiama speciale che aiuta il fisico a recuperare le energie perdute. Si sveglia all’alba, mai oltre le 5.30 del mattino, e alle 20.30 è già a letto. Il riposo è fondamentale: dorme soltanto su un materasso anatomico in memory foam diamante, a una temperatura che oscilla tra i 15.5 e i 18 gradi centigradi.

Tom Brady è il Cristiano Ronaldo del football americano. Ha costruito la sua potenza atletica sul sacrificio e il duro lavoro: gli allenamenti quotidiani con l’allenatore Alex Guerrero abbatterebbero chiunque, ma non Tom Brady, che a 43 anni espone un fisico atletico e da tutti invidiato: è questo il suo quarto segreto.

Il quinto e ultimo segreto è l’utilizzo degli smartphone, dei tablet e di ogni altro aggeggio elettronico. Spegne tutti gli apparecchi almeno mezz’ora prima di andare a dormire, evitando di sforzare la vista, fondamentale per il suo ruolo in campo. (fonte thewam.net)

Come può essere utile interpretare questi 5 segreti perché possano servire a chi legge gli articoli del Misterone (quindi agli allenatori) o direttamente a qualche giovane atleta (indipendentemente dallo sport) fedele agli articoli del nostro sito?

Analizziamo velocemente i 5 segreti.

Una dieta da atleta. Forse fino ai 20/25 anni ci si può permettere di tutto. Ma da un punto di vista di dieta pre-gara anche ad un ragazzo risulterà davvero “pesante” aver mangiato troppo o troppo poco o non essere idratato nel modo giusto prima di un allenamento o di una gara. E’ un aspetto che merita una riflessione

Avere una moglie super come Gisele Bundchen non è cosa comune. Ma l’idea della famiglia felice che ti permetta di essere sereno in campo e dare il 100% in ogni momento è indispensabile. Non possiamo dimenticare che i ragazzi si portano in campo i loro umori che respirano in famiglia

Il terzo segreto ovviamente per noi “comuni mortali” non è pensabile, ma se lo ragioniamo insieme al quarto allora si. Non per niente Tom Brady lo possiamo paragonare da questo punto di vista a Cristiano Ronaldo, a Lebron James o a Roger Federer. Campioni “vecchi” che si permettono ancora di sfidare (e primeggiare) i più giovani anche da un punto di vista atletico perché “si curano” e si allenano forse di più di prima. E soprattutto pensano anche al recupero post gara e alle ore di sonno prima di una partita. Forse per un giovane atleta non tutti questi aspetti sono importanti contemporaneamente, ma nel tempo vanno aggiunti tutti. Dal primo all’ultimo.

L’ultimo segreto sembra proprio pensato apposta per le nuove generazioni. Sempre col cellulare davanti. Non mi addentro in questo discorso (soprattutto per uno cresciuto col Commodore 64…). Ma di certo essere sempre davanti ad un piccolo schermo pieno di immagini che cambiano continuamente non fa mai “staccare” il cervello e non ti permette mai di riposarti davvero. E’ vero che i nostri giovani ragazzi hanno adrenalina ed energia da spendere ma il riposo (anche mentale oltre che fisico) è indispensabile…

Allora grazie a Tom Brady per queste piccole lezioni di vita e arrivederci al prossimo Super Bowl

Difesa dello spazio su palla lontana – Posizionamento

Ciao a tutti, come al solito mi auguro che stiate tutti bene.

Purtroppo, per vari  motivi che non sto ad elencare, è un pò di tempo che non scrivo e la cosa mi dispiace.

Dopo la partecipazione al seminario con Mister Mauro Marchisio indetto da APPORT, di cui sono il referente di Parma e provincia ( A proposito, se qualcuno ha bisogno mi contatti pure ), ho pensato di scrivere qualcosa sugli argomenti trattati e che mi trovano concorde su quasi tutti i punti.

Nello specifico vorrei scrivere del posizionamento del portiere su palla lontana dalla sua area ed in particolare dalla tre quarti avversaria alla linea di centrocampo; qui i pareri sono discordi sentendo anche domande poste al Mister dai colleghi ma io sono concorde con il posizionamento codificato in serata che riporto nell’immagine qui sotto.

Come vedete la posizione del portiere è sulla linea immaginaria che congiunge il centro porta alla palla quello che varierà sarà il posizionamento in profondità in funzione della distanza dalla palla e non dimentichiamoci della linea difensiva.

Ma perchè sono concorde con questa posizione e non voglio il portiere più “centrato” rispetto alla porta ?  Semplicemente perchè nel calcio di oggi dove le squadre sono sempre più corte, e quindi la difesa dello spazio è sempre più importante, una posizione in ampiezza mi permette di arrivare in porzioni di campo dove da una posizione più centrale non potrei arrivare .

             

Come vedete la porzione di campo che il portiere può coprire è ridotta in funzione della mancata ampiezza.

Un’altra considerazione da fare riguarda il fatto che questo posizionamento deve, comunque, essere concordata con il Mister della squadra che, specialmente nelle prime squadre, potrebbe avere esigenze diverse.

D’altro canto penso che nei Settori Giovanili la proposta debba essere quella con più ampiezza perchè dobbiamo dare ai nostri ragazzi più nozioni possibili in maniera da dargli le possibilità di risolvere più situazioni possibili. E’ più semplice adattarsi a coprire meno campo in una seconda fase di formazione, quando si passa dalle giovani alle prime squadre, che viceversa; dover cambiare atteggiamento, se non si è mentalmente aperti, diventa più complicato e più “stressante”.

Come al solito aspetto considerazioni o domande in merito.

Alla Prossima !

Cambiare passo e reagire

Quando una squadra vince o perde palla, deve cambiare passo e reagire. In questa esercitazione i difensori devono reagire velocemente o prenderanno un tiro in porta ed un possibile goal.  Il mister deve incoraggiare le squadre  a chiudere il centro del campo, per forzare il gioco lontano dalla porta.

Giochiamo con il portiere in porta, sette giocatori rossi e cinque blu. All’interno del quadrato si posizionano 3 giocatori rossi e unno blu. Altri 4 giocatori blu attorno al bordo del quadrato e due giocatori rossi vicino alla porta e due giocatori rossi fuori dal quadrato all’altra estremità.

I giocatori blu devono fare cinque passaggi tra loro e attaccare la porta che i rossi stanno difendendo, ma i rossi possono usare solo i due difensori a fine area e non i due giocatori larghi. Se invece i rossi vincono la palla possono usare i giocatori larghi ma non i due giocatori vicini alla porta che i blu stanno difendendo.

Questo allenamento serve per per stimolare le reazioni dei giocatori al cambiamento delle situazioni e aiuta a mostrare come la pressione sulla palla impedirà il movimento in avanti e come tornare indietro velocemente per sostenere il gioco.

E’ importante che il mister sottolinei e curi la corsa dei difensori che escono per contrastare il portatore di palla avversario. L’uscita deve avvenire con i tempi giusti.

Dopo una prima fase di conoscenza e ambientazione è importante stimolare la fase di transizione con attacco veloce ed adattamento difensivo immediato.

Tiro da lontano

Partitella 8 contro 8 per insegnare ai giocatori a tirare da lontano. Tenere un po di palloni a lato del campo per evitare che si perda intensità quando la palla esce. Il mister deve richiedere ai giocatori di prendere decisioni e reazioni rapide. I giocatori dovrebbero cercare costantemente lo spazio per ricevere la palla e tirare. Più giocatori tirano, più possibilità ha la squadra di segnare gol. 

Tiro da lontano

Dividiamo i nostri giocatori in una partitella 8 contro 8 giocando nella zona centrale. La squadra in possesso cerca di creare opportunità di tiro, ma inizialmente può tirare solo dalla zona centrale. L’unico momento in cui i giocatori possono entrare nell’area è per raccogliere un passaggio dal loro portiere senza opposizione, o seguendo la palla per evitare una possibilità di segnare. Se la palla esce a bordo campo dell’area di tiro, la squadra che ha vinto la palla batte la rimessa laterale nella zona centrale.

Quindi un’ipotetica azione parte con un giocatore che entra in area per ricevere un passaggio dal suo portiere. Passando ai suoi compagni tentano di creare un’opportunità di tiro senza entrare nell’area avversaria.

Un giocatore può entrare in area solo sulla ribattuta del portiere o su un eventuale rimbalzo dei legni della porta. Attaccanti e difensori devono quindi stare attenti sulla eventuale ribattuta e reagire per fare goal o impedire che questo accada.

U

Davide Domeniconi: più per fare che per apparire!

Arrivo alla domenica mattina davanti alla casa di Prelerna diventato rifugio importante dai ritmi della città per Davide e la sua famiglia. Dobbiamo scendere “alla Bassa” per bere una birra con i compagni di corso ma, come al solito,  io sono in ritardo e devo ancora finire di preparare l pacchi per le varie stupidate da distribuire durante il pranzo per fare un po di festa tra di noi.

Non c’è bisogno di dire più di tanto. Con i piedi sotto la tavola in pochi minuti vengo accolto, rifocillato e davanti al caffè caldo ci ritroviamo coinvolgendo la famiglia ad impacchettare e smistare le varie cose. Sinceri, pratici, accoglienti. Così è Davide e così è la sua famiglia.

Partiamo e Davide racconta, restando in clima montanaro, di aver “arato” per 4 lustri i peggiori campi calcistici di Parma e Modena, sia in seconda e terza categoria che negli amatori. Al termine del campionato 2008-09 la decisione di terminare l’attività agonistica.

Come sei diventato mister?

Conclusi la “carriera” calcistica facendo anche da allenatore nella squadra di terza categoria dove avevo giocato gli ultimi anni a San Vito di Spilamberto a Modena. Il direttore sportivo del Vicofertile Ugolotti sapendo di questa mia esperienza e conoscendomi come genitore di una loro atleta, mi ha contattato per entrare nei loro quadri come allenatore e fu una richiesta che accettati con molto entusiasmo.

Per conoscerci reciprocamente, il primo anno feci il secondo al tecnico della prima squadra (Mr. Miodini), poi l’anno successivo mi affidarono la juniores provinciale e nei due anni seguenti allenai l’annata 1997, con i quali partecipammo al campionato giovanissimi ed allievi provinciali.

Poi passai alla società Fraore, dove mi affidarono l’annata 2000, con i quali partecipai a due campionati Giovanissimi ed uno di Allievi; quest’ultimo con due squadre (una FIGC e l’altra CSI) in comunione, ed a nome, San Leo.

Al termine di questa esperienza triennale, volli prendermi un anno di pausa con le giovanili ed andai a fare il secondo ad un amico che si apprestava ad allenare l’Inter Club in seconda categoria (Mr. Zaccardi). Terminata l’annata perdendo i play out, mi fu offerto di tornare a Vicofertile come responsabile del settore femminile, settore che conoscevo discretamente bene per la militanza di mia figlia prima nella Reggiana Femminile, poi nel Parma Academy e, contestualmente, in vari anni delle varie rappresentative regionali.

Questa nuova esperienza fu splendida sia come risultati e sia dal punto di vista umano ma fu estremamente impegnativa ed ebbe fine al termine dell’annata sportiva con la cessione di tutto il settore al Parma Academy.

Dopo un breve periodo di assenza da figura attiva nel calcio, rientrai al Fraore; dove, dopo un anno di collaborazione nei quadri societari, mi hanno affidato l’annata 2003 che si apprestava a partecipare al campionato Juniores assieme, ed in nome, al Lemignano 1988; e questo è il presente.

Dal corso UEFA C (Settembre – Dicembre 2020) cosa ti porti a casa?

Senza voler scendere nei dettagli, il corso è stato interessantissimo ma estremamente impegnativo sia per gli orari e sia per la varietà e complessità delle materie.

Beh, innanzi tutto, per il sottoscritto è stato un trauma dovuto alla scarsa preparazione tecnico-tattica avuta per i miei trascorsi agonistici di basso livello ma, soprattutto, è stato un cambio epocale: iniziai a giocare quando si marcava a uomo, con la difesa sempre schierata nella propria metà campo e con la profondità sempre coperta dal libero; con allenamenti che, definirli a secco, è un eufemismo. Successivamente all’arrivo di Mr. Sacchi e del grande Milan, si passò a giocare a zona, che imparai in età adulta; e con gli allenamenti rimasero in parte a secco ed in parte di reparto (con schemi per qualsiasi situazione di gioco). Ora il corso mi ha aperto un nuovo mondo, fatto di gioco, verifica, gioco; incentrando l’attività di formazione sul completo sviluppo del giovane atleta, che in futuro dovrà essere pronto ad applicare le filosofie di gioco del Mister del momento.

Nella specificità, oltre in generale a questo nuovo approccio alla crescita del giovane calciatore, mi ha appassionato l’enorme potenzialità degli Small Sided Games; per l’applicazione dei quali è comunque necessaria un’approfondita specifica conoscenza ed una notevole esperienza sul campo.

Infatti, giocando con le variabili applicabili, sarebbe possibile impostare gli allenamenti quasi completamente con queste esercitazioni, quasi dimenticandosi della parte atletica a secco. Considerato che l’attuale situazione pandemica ha stravolto la mia programmazione dell’anno in corso, quando sarà possibile tornare ad allenarsi normalmente, ho intenzioni di integrarli gradualmente nei miei allenamenti.

Come imposti la programmazione degli allenamenti?

A proposito della programmazione annuale, devo ammettere di essere fortunato in quanto, da quando sono entrato nel Fraore, grazie all’impegno ed alla competenza di chi segue la Direzione tecnica (Mr. Reale), ho sempre avuto come linea guida alla programmazione annuale un vademecum societario diviso per annate, e specifici incontri di verifica comune tra i vari Mister; dato per cui, quando si è affrontato lo specifico argomento durante il corso, per me era un “déjà vu”.

Normalmente, l’annata la “traccio” durante le ferie estive, dividendo il programma societario in mesocicli e sviluppando la preparazione.

Durante il periodo precampionato, aggiorno il primo mesociclo di allenamenti del periodo agonistico per adeguarlo alle risposte ed alle esigenze evidenziatesi in preparazione; e, con la medesima filosofia, organizzo di volta in volta ciascuno dei mesi successivi. Le variabili al programma sono fondamentalmente due: la verifica dell’andamento di ogni singolo allenamento, che può portare a soffermarsi su una specifica attività più volte del previsto; oppure l’evidenziarsi di una particolare difficoltà durante le gare, che può portare ad “aprire” una specifica parentesi in parte di un microciclo.

Un mister con i “fiocchi”…

No, no…non mi “spaccio” come un Mister professionista, anzi; ma sicuramente cerco di essere il più attento e professionale possibile, senza scordarmi la mia principale convinzione che ho del giovane sportivo, cioè che prima di essere atleti affermati bisogna essere Persone, in quanto non esiste campione se non si è corretti, affidabili ed umili.

Inoltre, personalmente ritengo che tutti i ragazzi, indicativamente fino alla pre-adolescenza, debbano avere la possibilità di fare più sport, per poi scegliere quello di maggiore soddisfazione. Successivamente, saranno le specifiche capacità e motivazioni che gradualmente definiranno il livello di competizione sostenibile da ciascun ragazzo nello sport.

Dato per cui, se volessi definirmi esattamente, più che un Mister mi considero un educatore; poi è indiscutibile che devo ai ragazzi, ed alla società sportiva di appartenenza, la migliore formazione atletica e tecnico-tattica possibile ma nella mia scala dei valori non è l’obiettivo primario. Sono fermamente convinto che lo sport giovanile sia uno dei pochi mezzi rimasti a disposizione per preparare i ragazzi alla vita adulta in una ambiente “protetto”, cioè sotto l’attenta guida di adulti che li aiutino a gestire le varie esperienze che i ragazzi devono provare per crescere.

Questo mi fa venire in mente un paio di aneddoti che porto nel mio cuore e che mi danno le motivazioni per continuare: uno è il ringraziamento avuto da un ragazzo, poco e male utilizzato dai precedenti Mister per le scarse attitudini atletiche, che al termine della cena con la quale mi congedavo da loro, mi disse: Mister, io amo il calcio da sempre ma non ne ho le capacità per ambire ad una carriera, però Lei mi ha fatto sentire importante per la squadra, insegnandomi come valorizzarmi in questo gruppo e gli altri me lo hanno riconosciuto.

L’altra è stata incontrare causalmente un paio di ragazzi che avevo allenato qualche anno prima, e che erano quelli che più faticavo a coinvolgere con continuità negli allenamenti. Questi, dopo i vari convenevoli, si scusarono i per i comportamenti avuti, ringraziandomi per quanto gli avevo cercato di dare.

Quando mi hai chiesto la disponibilità di presentarmi ai lettori del MiserOne e mi hai chiesto le foto a corollario dell’articolo, dopo un attimo di silenzio, ho dovuto ammettere che, nonostante i tanti anni passati in panchina, ho ben poche foto dove appaio all’opera, escludendo quelle istituzionali d’inizio anno delle specifiche squadre (che sono ben poco interessanti a questo scopo).

Per spiegare questo aspetto del mio carattere, Vi ripropongo la risposta che diedi al mio attuale datore di lavoro durante il colloquio, quando mi chiese di sintetizzare con una frase il mio modo di essere: sono più per fare che per apparire.

Ed a questo proposito posso concludere raccontando un altro aneddoto:

quando era coordinatore del femminile del Vicofertile, il rappresentante locale del SGS chiese a noi ed al Parma Academy di organizzare un open day femminile dedicato alle studentesse delle scuole medie. Alla fine dell’attività, i miei collaboratori mi informarono che il responsabile della comunicazione del Parma Academy aveva fatto interviste e fotografie ai vari staff ed agli organizzatori ma non mi avevano trovato. Candidamente gli comunicai che avevano guardato male perché, durante le loro interviste, ero stato nel campo da gioco intento a raccogliere le attrezzature utilizzate.

Tornando al discorso delle foto, stando al giudizio della mia gentile e paziente consorte, oltre all’immancabile foto istituzionale di squadra le altre due foto mi rappresentano in pieno: in una mi si vede serio ed attivo durante una partita e nell’altra gioiosamente rilassato in mezzo ai ragazzi al termine di una attività.

Saluto tutti i lettori e li ringrazio per il tempo dedicatomi.

Cosa dire Davide, sei un signore…come sempre!

Congela i giocatori

Spesso in allenamento mi ritrovo a sottolineare di passare e stare in movimento per creare continuamente spazi ed opportunità. Questa semplice esercitazione incoraggia i ragazzi a fare movimenti per liberarsi e ricevere la palla  tra le linee degli avversari.

Ovviamente a seconda delle età possiamo poi cambiare dimensioni campo, numero giocatori, ecc. ma le indicazioni che dobbiamo ricevere sono queste:

I giocatori sono in grado di ricevere il passaggio in movimento?
Riescono a tenere la palla sotto controllo rapidamente mentre si muovono?
La tecnica sul primo controllo è appropriata? 
La squadra è in grado di mantenere la palla in movimento?

Congela i giocatori

Per avere queste risposte ed eventualmente poi andare a fare singoli esercizi per migliorare i vari punti organizziamo una partitella 5 contro 5 dove le squadre devono mantenere il possesso palla.

Quando il mister chiama “CONGELA” la squadra NON in possesso deve restare ferma mentre la squadra con la palla deve effettuare 10 passaggi tra i giocatori avversari in 5 secondi senza mai passarla al giocatore che ha appena trasmesso la palla.

Questa esercitazione porta i giocatori a muoversi rapidamente nello spazio, chiamare la palla e controllarla prima di trovare il passaggio successivo.

Un successivo sviluppo è inserire una porta con relativo portiere e tiro in porta. Ora, quando chiami “CONGELA”, la squadra in possesso deve utilizzare tre passaggi rapidi e movimenti per creare e completare un’opportunità di segnare un gol.

Congela i giocatori

Alla fine giochiamo una partitella in un campo con piccole dimensioni con due porte e portieri. Ogni tanto urla “CONGELA ROSSI” o “CONGELA BIANCHI” e vedi se le tue squadre possono completare un movimento di tre passaggi per segnare.

Importante sottolineare spesso di stare sempre in movimento, mantenendo la palla e usando l’immaginazione per ingannare l’avversario.

Antonio Montesano: corsa e sacrificio, gli attributi del mister attento all’aspetto umano

Ci siamo ritrovati in campo in mezzo a tanti ragazzi di Piacenza (noi eravamo tra i pochi presenti di Parma) e ci siamo messi quasi subito a parlare.  Non ci conoscevamo ma entrambi avevamo l’impressione di esserci già visti. Parma è piccola e sicuramente i nostri percorsi si erano incrociati in passato e infatti dopo qualche minuto abbiamo ricostruito e ricordato che probabilmente avevamo fatto un paio di allenamenti insieme anni fa.

Da quel giorno si è sviluppata una piacevole conoscenza alimentata dall’aver preparato insieme la tesina finale del corso, con altri mister nella mitica Stanza 9 (alias Birrificio Argo).  Antonio è stato il nostro riferimento continuo sulle mille slide dei docenti e sui riferimenti alle lezioni del corso. Sempre posato, intelligente, meticoloso ma soprattutto attento al lato umano della relazione.

Nato in Basilicata nel mitico 1969 (annata spettacolare visto che è anche la mia annata …ahahah)  si trasferisce a Parma per frequentare e studiare nella facoltà di Economia e commercio.

Attualmente è in forza come secondo allenatore agli Juniores Regionali (2002 e 2003)  del Cervo di Collecchio.

In Basilicata la carriera calcistica dalle giovanili alla categoria (a 16 anni l’esordio) ma con l’arrivo a Parma le varie situazioni non hanno permesso di proseguire questo impegno portando Antonio a frequentare il mondo calcistico amatoriale.

Vent’anni nel glorioso Moletolo, campionati Uisp, allenato dal grande Ettore Marconi, dove ricopre per vari anni anche il ruolo di capitano. Sorridente e orgoglioso ci tiene a sottolineare; “Con il Moletolo abbiamo vinto tutto quello che si poteva vincere a livello amatoriale!”.

Come sei diventato allenatore?

A 40 anni, quando mi sono reso conto che facevo fatica a stare dietro ai più giovani, ho deciso di smettere come calciatore, e proprio Ettore Marconi è stata la persona che mi ha consigliato e avviato al ruolo di allenatore.

Siccome la mia esperienza calcistica parmigiana è stata vissuta negli amatori, ho iniziato ad allenare nella Uisp, dapprima l’Arci Toscanini e poi l’Oiki. Con questa squadra nel 2019 ho vinto il campionato e sfiorato la vittoria nella Coppa Emilia, persa ai rigori.

Ho anche ricoperto il ruolo di allenatore della Rappresentativa Uisp di Parma, vincendo per 2 anni consecutivi il titolo di Coppa Amatori nelle finali nazionali di Montecatini.

L’anno scorso, con la possibilità di poter partecipare al corso di allenatore Uefa C, ho deciso di accettare la proposta del Cervo, abbandonando la Uisp e approdando in Figc.

Da giocatore se dovessi scegliere un ruolo nella squadra allenata da te in quale sceglieresti di giocare?

Se dovessi scegliere un ruolo dove giocare nella squadra allenata da me giocherei dove ho sempre giocato, vale a dire in fascia come terzino, ruolo fatto di tanta corsa e sacrificio, Attributi che mi piacciono molto nel mondo nel calcio e non solo…anche perché i piedi non sono mai stati raffinati per poter aspirare a ruoli differenti!!!

Come imposti il tuo programma di allenamento settimanale?

Il programma di allenamento è impostato con 3 allenamenti a settimana (lunedì, mercoledì e giovedì).

La metodologia utilizzata è di tipo INTEGRATA, quindi alternanza di situazioni con e senza palla: si passa da partitine e/o possesso palla a corse con variazioni di velocità, il tutto intervallato da tempi di recupero idonei tra un esercizio/esercitazione e l’altra.

In tutti e 3 gli allenamenti settimanali la partita non manca mai, comunque al lunedì si lavora principalmente con la palla, privilegiando le fasi di costruzione e di finalizzazione, per evitare di sovraccaricare troppo il fisico degli atleti a seguito della gara del sabato.

Al mercoledì si lavora con esercizi ed esercitazioni che curano le capacità coordinative condizionali come forza, resistenza e velocità.

Infine al giovedì si prepara la gara del sabato con una partita vera.

Quale è stata la partita che più ti ha regalato soddisfazioni nella tua carriera?

La partita che più mi ha regalato soddisfazione nella mia carriera di allenatore è stata quella disputata dall’Oiki contro la Corale Verdi, Maggio 2019, campionato Uisp, categoria Seniores provinciale .

Entrambe le squadre erano in corsa per il titolo provinciale, ultima giornata di campionato, quindi una vera e propria finale.

Partita equilibrata con occasioni da una parte e dall’altra ma alla fine abbiamo trovato il gol negli ultimi 10 minuti e la partita è finita 1-0 per noi dell’Oiki che abbiamo vinto il campionato.

Grande emozione, gioia immensa e grande festa negli spogliatoi.

Che cosa porti del corso nel tuo essere allenatore?

Quello che mi porto dal corso nel mio essere allenatore è stato quello di apprendere tante nozioni di natura tecnica e tattica, scoprire che il nostro ruolo, soprattutto nelle categorie dei più giovani è molto importante perché siamo degli educatori oltre che degli allenatori. Quindi un buon allenatore può segnare in positivo il futuro di un giovane calciatore che tra qualche anno sarà un uomo all’interno della nostra società.

È stato molto interessante scoprire le strategie che ci sono dietro al settore giovanile della Figc, quella che più mi è rimasta in mente è la costruzione dal basso e il ruolo che il portiere ha in questa fase.

Infine, ma non meno importante, aver conosciuto tanti bravi allenatori e, soprattutto, tante brave persone che hanno la mia stessa passione per il calcio e per trascorrere del tempo insieme in compagnia divertendoci.

Un abbraccio (virtuale) a tutti e a presto…speriamo di poterci vedere molto presto ragazzi e, scusate, se chiudo con un FORZA VIOLA…

Calcio femminile: Parola al CT Jacopo Leandri

“Sin dai 4 anni ho avuto un mio grande amico che tuttora porto nel cuore… il Pallone….ci giocavo, ci parlavo, ci dormivo…. Una passione nata non so bene per quale motivo, in famiglia nessuno era super appassionato, mio nonno mi ha trasmesso la passione della pesca… che io sto tramandando a mio figlio…. Quindi perché il calcio è diventato per me questa grande storia d’amore ?? Io credo che ci siano cose che non si possono spiegare… succedono e basta.”

Il CT della Nazionale Italiana Femminile Under 16 parla della propria esperienza in ambito di calcio femminile all’interno di “Ragazzi Ribelli ControCorrente  ” dell’associazione “Tutti in campo per tutte ASD”

L’intervista: MASSIMO MORGIA

Massimo Morgia è un allenatore che, pur senza aver calcato i palcoscenici della massima serie, ha lasciato un ricordo indelebile ovunque abbia lavorato. Ha girato l’Italia dal Trentino alla Sicilia, come calciatore prima e come allenatore in seguito … sempre a testa alta, sempre mettendoci “la faccia” anche con scelte coraggiose e talvolta apparentemente impopolari.

Massimo Morgia è stato apprezzato ovunque, dove ha vinto (e ha vinto tanto) e dove non ci è riuscito perché “l’uomo” Morgia è speciale, è profondo, è passionale ed è soprattutto onesto. Massimo è un amico.

La squadra per cui tifavi da bambino

Da ragazzino tifavo Roma , come mi sembra normale per uno nato alla Garbatella.

Il tuo primo idolo calcistico

Quando ho cominciato ha giocare a calcio il mio idolo è diventato Sandro Mazzola . Mio zio Ottavio Morgia era stato un giocatore importante ed aveva giocato a Cagliare e Napoli e poi anche allenatore di Chieti e Siena. Io soffrivo di questa eredità perché tutti mi chiedevano di questa parentela e mi paragonavano a lui. Qualcuno mi dava perfino del raccomandato. Nelle prime interviste che fece Mazzola quando era già in Nazionale raccontò stesse cose di cui stavo soffrendo io, comprese le paure e l’ansia di doversi sempre misurare col fantasma ingombrante di suo padre. Mi ci ritrovai perfettamente in quelle parole ma mi dissi che se c’è l’aveva fatta lui ce la potevo fare anche io. Da allora tifando lui iniziai a tifare Inter … e non mi andò per niente male fra scudetti e coppe dei campioni !

L’avversario più forte che hai incontrato

In amichevole affrontai Bruno Giordano. Era un poco più di ragazzino ma era già un fuoriclasse nato.

Il compagno di squadra più forte con cui hai giocato

Maurizio Gaiardi mio compagno nella Lucchese. Un mediano completo, di quelli “veri” che sapeva unire corsa a tecnica.

L’avversario più … “antipatico”

Non ne ho avuti di antipatici. Magari con qualcuno ci ho anche litigato in campo, magari ci siamo pure offesi pesantemente ma la partita è uno spazio a sé. Al termine dei novanta minuti finiva sempre tutto. Nessun rancore e nessuna antipatia con nessuno.

Il compagno di squadra più simpatico

Il mio compagno più simpatico, l’amico più grande e praticamente un fratello acquisito è stato Massimo Nobile con cui ho giocato prima al Rovereto e poi alla Nocerina ma con cui ho condiviso anche la mia esperienza giovanile all’Omi Roma e soprattutto le giornate sotto casa da ragazzini nel nostro quartiere di Roma, San Paolo. Purtroppo nel 1977 un incidente stradale l’ha tolto dalle nostre vite ma non certamente dal mio cuore.

L’allenatore più bravo che hai avuto

L’allenatore più preparato e che sotto questo aspetto mi ha trasmesso poi l’amore per lo studio e la professione è stato certamente Giampiero Vitali.

L’allenatore … meno capace …

Non penso di avere avuto allenatori incapaci. Magari con qualcuno non mi sono capito, con altri ho avuto problemi da un punto di vista tecnico, con altri sul piano umano ma tutti mi comunque trasmesso qualcosa che poi mi è servito per cercare di fare al meglio questo lavoro, imparando dai loro consigli, dai loro insegnamenti e anche dai loro errori.

Un calciatore con cui avresti voluto giocare

 Uno su tutti: Johann Cruyff.  Lui era “il calcio”.

Un calciatore che avresti voluto allenare

Chiunque faccia questo mestiere sogna di poter lavorare con i grandi fuoriclasse che il nostro calcio ha avuto.Da Rivera a Mazzola per continuare con Baggio , Del Piero e Totti. In realtà erano tutti talmente bravi che a loro potevi insegnare ben poco … In realtà sarebbero state tante le cose che da questi campioni avrei io potuto apprendere ! Per cui ti dico Cassano e Balotelli, due talenti tecnicamente a livello di quelli citati qui sopra ma che purtroppo si sono “buttati via”, senza mai arrivare ad esprimere tutto il loro enorme potenziale. Magari ci avrei litigato dalla mattina alla sera e magari loro con me avrebbero fatto anche peggio …ma mi sarebbe davvero piaciuto provarci.

Un allenatore che avresti voluto avere

Pep Guardiola. Oltre ad amare il calcio che riesce a sviluppare con le sue squadre mi piace sul piano umano e per come si propone sempre e comunque aldilà delle vittorie e delle sconfitte. Guardiola mette sempre al primo posto prestazione e gioco, mai il risultato.

Il Club dove hai lasciato il cuore

La Lucchese dove ho giocato quattro anni dal 76 al 80 e Lucca è ancora la città dove abito , dove ho conosciuto mia moglie e dove è nata mia figlia. La maglia rossonera me la sento tatuata sulla pelle.

Massimo è il primo in piedi a destra.

Il più bel ricordo calcistico in assoluto

Il più bel ricordo che ho del calcio è legato agli ultimi anni di carriera ovvero fra i 31 e i 33 anni quando decisi di lasciare il professionismo pur di restare a Lucca ed in Toscana scendendo nei dilettanti. Fu in quel periodo che mi arrivò la convocazione nella Nazionale Dilettanti dove disputai una quindicina di partite.  Indossare la maglia azzurra e sentire l’inno è stata davvero una grande emozione. Questo mi ha dato modo per due anni di girare il mondo andare in India, Africa , Stati Uniti …misurarmi e vedere dal vivo culture e modi di vivere diversi. Per come sono fatto io, che sono curioso di natura, questo per me era davvero il massimo. Di ricordi legati al calcio belli ne ho tanti e soprattutto delle città da nord a sud che mi hanno ospitato, della gente che ho conosciuto e dei tanti che nel corso degli anni sono diventati amici personali e di famiglia. Ma ricollegandoci a questa intervista che parte con mio Zio Ottavio , Siena è l’unica piazza in cui siamo passati tutti e due e Siena oltremodo è la città dove è nata mia mamma …. Vincere campionato e scudetto li è stato indubbiamente il più bel ricordo proprio perché come Mazzola quel giorno mi sono sentito degno del mio nome e di mio zio.

La più grande delusione

Delusioni e rimpianti non fanno parte del mio modo di vivere perché le une me le tengo strette dentro di me cercando di non prenderne altre. Ma se proprio devo indicarne una è quella di non essere riusciti a vincere tre anni fa il campionato con la Nocerina. Ero ritornato a Nocera 40 anni dopo avere giocato li l’ultima partita insieme a Massimo Nobile proprio per dedicare a lui la vittoria del Campionato.

L’abbiamo perso alla terzultima in casa pareggiando con una squadra che non aveva nulla da chiedere….non me lo sono ancora perdonato.

Il più grande rimpianto

Rimpianti nemmeno mezzo perché ho sempre fatto le cose che ritenevo giusto fare in quel preciso momento, ragionando con la mia testa e senza condizionamenti esterni. E quando fai questo sei consapevole che devi accettarne in seguito le conseguenze, nel bene e nel male.

Ma senza rimpianti.

La partita che ricordi con più piacere

La partita che ricordo con più piacere è stata sicuramente la penultima di campionato a Marsala in serie C.

Purtroppo non ricordo il nome dei nostri avversari.

Ricordo però benissimo che stavamo vincendo in casa e la nostra avversaria diretta per la promozione stava invece pareggiando la sua partita. Restando così le cose avremmo vinto il campionato. La nostra partita finì ma nell’altro campo si giocava ancora. Poi dalle nostre tribune arrivò un boato tremendo. Non fu difficile capire che anche l’altra partita era finita e che eravamo noi a conquistare la promozione. Fu il mio primo campionato vinto e come il primo amore è impossibile da dimenticare.

La partita che vorresti dimenticare

Siena – Gavorrano sempre a due giornate dalla fine. Con i tre punti si sarebbe festeggiato la vittoria del campionato. Era già tutto pronto, persino la cena sociale in Piazza del Campo. Non riuscimmo ad andare aldilà di un pareggio. La delusione e la tristezza furono incommensurabili. Per fortuna ci rifacemmo la settimana successiva vincendo la nostra partita e conquistando la promozione.

La cosa che meno ami del calcio moderno

Del calcio moderno non amo le troppe persone, i troppi ruoli, le troppe qualifiche, i troppi divieti, le troppe tv, i troppi soldi, i troppi moduli, le troppe chiacchiere, la troppa pubblicità … Insomma non amo il “troppo” !

Quella che più rimpiangi del “tuo” calcio

Il poco che c’era , il poco che a noi sembrava tanto, le poche persone che avevamo intorno e con le quali si creava un legame speciale.

Il calciatore più forte che hai allenato

Non mi piacciono questi tipi di classifiche. Sono legato ed affezionato a tutti i calciatori che ho allenato. Da quelli che sono arrivati fino alla nazionale a quelli che dopo un anno con le giovanili hanno smesso.  Io penso di aver dato qualcosa a loro ma loro di sicuro le migliaia di ragazzi che ho allenato mi hanno dato molto di più.

Il calciatore attuale che apprezzi maggiormente

In questo preciso momento Ibrahimovic perché sta dimostrando che aldilà dell’età la classe, la personalità, e la tecnica se ami davvero il calcio non se ne vanno mai. In questo gioco collettivo l’individualità è comunque sempre determinante.

Il calciatore nel quale ti riconosci di più

Nessuno in particolare. E troppo diverso il calcio ma soprattutto il mondo attuale dal mio mondo e dal mio calcio.

L’allenatore che è stato il tuo punto di riferimento

Ne ho avuti tanti ma senza dubbio Giovanni Meregalli che ho avuto per tre anni alla Lucchese . Sono passati tanti anni da allora. Adesso lui ha passato gli 80. Spesso lo chiamo per salutarlo  dandogli immancabilmente del lei. Io lo chiamo “Mister” e lui mi risponde “Ciao Massimino ! come stai ?” Solo che “Massimino” ha 69 anni…. Queste però sono le cose più belle e più vere del “nostro calcio” …

Un allenatore attuale che ammiri

Di Guardiola ho già detto ma uno in particolare è Antonio Conte perché lo conosco come persona e come uomo ed è l’esatto contrario di come che viene descritto. Persona vera, sincera,diretta e leale.

La qualità più importante per un allenatore

Ho citato Conte proprio perché ritengo queste qualità fondamentali. Aldilà delle idee tecnico-tattiche , giocatori e collaboratori ti seguono e ti apprezzano se sei vero, sincero,diretto e leale. E’ Antonio è tutto questo.

Lo schema di gioco preferito e perché

Per me il calcio non è né moduli né schemi prestabiliti. Ma spazio, tempo e tecnica. Che poi sono le doti innate che hanno i fuoriclasse … Questo è quello che gli allenatori devono incamerare e fare loro per trasmetterlo al resto della squadra.

Formazione ideale tra i tuoi ex-compagni di squadra

Pierotti Cisco Nobile Gaiardi Morgia Platto Ciardelli Savian D’Urso Vescovi Novelli. La mia Lucchese del 78. Sfiorammo la promozione in serie B ma come ho già detto quella è e sarà sempre la mia maglia, quelli saranno sempre i miei compagni e quella sarà sempre la mia città.

Formazione ideale tra i calciatori che hai allenato

Non ho ancora smesso di allenare e non ho nessuna voglia di smettere perciò per questa formazione proprio non posso ancora esprimermi ! Ripassate fra qualche anno !!!

Mi va di aggiungere che … (pensieri in libertà sul “nostro” calcio, su quello attuale, su chi lo gioca, chi lo comanda e chi lo ama …)

In quanto ai miei pensieri in libertà mi sembra già di aver detto tanto e soprattutto di aver fatto capire che non amo in generale questo calcio così tecnologico, televisivo, super miliardario e così lontano dalla gente normale e cioè dai tifosi che infatti sempre meno frequentano gli stadi e che si sentono oggi così lontani dai protagonisti. Nel calcio di una volta finita la partita o l’allenamento ci si ritrovava sovente proprio al bar o in pizzeria a berci una birra insieme, calciatori, staff e tifosi. Ecco, questa è forse la cosa più bella che abbiamo perso.

MASSIMO MORGIA