Allenare le letture del giocatore

99
0
Share:

Mi trovo quest’anno a fare il mister di due squadre, una juniores e una prima squadra composta da tanti giovani (quasi tutti in età da juniores).

Ovviamente mi diverto molto a stare sul campo perché a quest’età i ragazzi (anche quelli più attempati) assorbono qualunque cosa ed hanno quella giusta capacità critica per analizzare e mettere in discussione tutto quello che gli si propone con lo scopo di migliorare tutti assieme.

Ritengo che il compito fondamentale per ogni mister sia proprio questo e cioè quello di proporre un percorso di crescita sia tattico che di gruppo che valorizzi allo stesso tempo la tecnica individuale dei singoli.

A questo proposito il massimo obiettivo che ogni allenatore deve porsi è quello di formare giocatori che sappiano leggere le situazioni di gioco per scegliere la giocata più idonea. Per chi, come me, è cresciuto me con il futsal (l’antico calcio a 5) sa bene di cosa sto parlando e di come sia fondamentale lavorare su questo aspetto.

Il riconoscimento e la percezione della situazione in campo avvengono sempre in tempi strettissimi e quindi non sempre il giocatore può analizzare e decidere cosa fare ma deve agire in base al suo vissuto e a quante volte si è trovato in situazioni analoghe.

Per questo negli allenamenti il mister deve far rivivere il maggior numero delle situazioni di gioco anche se il metodo con cui ci si approccia dipende molto dall’età che andiamo a tenere.

Nel mio caso, quest’anno, è molto divertente vedere e valutare con i ragazzi e lo staff, sia della juniores che della prima squadra, le situazioni avvenute in partita e discuterne insieme perché il gruppo è coeso e ci sono le condizioni per poterlo fare.

Ma cosa deve sapere un giocatore per poter fare la scelta giusta in fase di costruzione dell’azione?

Innanzitutto analizzare il tempo e lo spazio che il giocatore in possesso palla ha a disposizione.

Poi valutare come agire per la trasmissione da chi è in possesso palla e da chi deve ricevere. Banalmente il momento di relazione di  avviene quando chi è in possesso ha lo spazio e il tempo per effettuare il passaggio e chi riceve gli fornisce la soluzione più adatta in base alla situazione in cui si trova.

Chi riceve inoltre ha di solito due possibilità. Nella prima quando chi riceve è nella condizione di continuare e far progredire la manovra. La seconda invece avviene quando chi riceve attua uno smarcamento o un movimento che libera spazi e amplia i tempi per ulteriore linea di passaggio ad un terzo uomo.

Bisogna infine valutare la pressione avversaria perché determina sia l’indirizzamento del passaggio che ili movimento del ricevente.

Un esempio banale.

Se il possessore di palla guarda il campo ma viene pressato frontalmente  i possibili riceventi dovranno fornire soluzioni laterali. In questo caso in genere si effettuano smarcamenti in abbassamento per progredire nell’azione.

Comunque quando si riesce a giocare in un settore del campo in superiorità rispetto agli avversari, le possibilità di vincere sono decisamente molto più alte. Ogni mister deve ripartire dalle situazioni più comuni e riproporle in allenamento.

La più semplice situazione di superiorità numerica che in qualsiasi partita possiamo osservare  è il 2 vs 1,

2 CONTRO 1 CONTINUATO

2 CONTRO 1…A TESTA ALTA!

CREAZIONE DI SUPERIORITÀ NUMERICHE 2 CONTRO 1

Ovviamente tutte le altre soluzioni di gioco funzionano allo stesso modo

LAVORARE SUI PRINCIPI DI TATTICA INDIVIDUALE CON IL 2 VS 2

3 CONTRO 2

RONDO 6 VS 2 CON CAMBI DI SPAZIO

Saper leggere in modo efficace il gioco significa  “vedere” anticipatamente una soluzione. Al di là delle doti naturali che caratterizzano ogni singolo giocatore è possibile far crescere le capacità di lettura delle situazioni di tutti i nostri giocatori con continuo allenamento e coinvolgimento negli obiettivi comuni.

Non è un obiettivo semplice ma se  nel tempo darà sicuramente molte soddisfazioni.

Questi argomenti sono in continua evoluzione e sviluppo.

Pubblichiamo articoli di approfondimento dal lunedì al venerdì di ogni settimana dell’anno. Se ti è piaciuto questo articolo e non vuoi perderti i prossimi articoli iscriviti al sito o seguici su facebook o instagram.

Share:

Leave a reply