Calcio femminile e allenamento della forza

Share:

Errori comuni che si commettono durante l’allenamento settimanale della forza

Parlando con alcune ragazze e alcuni allenatori, ecco alcuni errori comuni commessi dalle squadre di calcio femminile durante l’allenamento della forza:

  1. Utilizzo di Carichi Troppo Bassi e Ripetizioni Elevate: Uno degli errori principali è l’uso di carichi troppo bassi e un elevato numero di ripetizioni. Questo tipo di approccio può portare a un allenamento più orientato alla resistenza muscolare piuttosto che alla forza massima.
  2. Recupero Insufficiente tra le Serie: Gli allenatori spesso non forniscono un adeguato periodo di recupero tra le serie durante l’allenamento della forza. Il recupero insufficiente può compromettere la capacità del muscolo di eseguire ripetizioni di alta qualità e influire negativamente sui risultati.
  3. Manca la Differenziazione tra Allenamento della Forza Massima e Resistenza: Viene evidenziato l’errore di non distinguere chiaramente tra l’allenamento della forza massima e quello della resistenza. Questo può portare a un approccio più orientato alla resistenza quando l’obiettivo è sviluppare la forza massima.
  4. Non Considerazione del Differimento della Fatica: Gli allenatori potrebbero trascurare il fatto che il muscolo richiede un tempo sufficiente per recuperare tra le serie, specialmente quando si lavora con carichi più pesanti. Ignorare questo aspetto può portare a un accumulo eccessivo di fatica.
  5. Incorretta Programmazione Temporale: Un errore menzionato riguarda la programmazione temporale degli allenamenti. Ad esempio, l’allenamento della forza seguito da sessioni tecniche e tattiche senza il giusto intervallo può portare a una fatica eccessiva e influire sulla performance.
  6. Mancanza di Adattamento alla Specificità del Calcio Femminile: Gli allenatori potrebbero non adattare gli allenamenti della forza alle specifiche esigenze del calcio femminile, ignorando le differenze fisiche e fisiologiche rispetto al calcio maschile.
  7. Poca Attenzione ai Tempi di Recupero Adeguati: Alcuni allenatori potrebbero non porre sufficiente attenzione ai tempi di recupero, non riconoscendo che tempi di recupero più lunghi sono necessari per massimizzare l’allenamento della forza massima.
  8. Mancanza di Personalizzazione: Spesso, la mancanza di personalizzazione degli allenamenti in base alle caratteristiche individuali delle atlete può rappresentare un errore. Ogni atleta può avere esigenze diverse che richiedono un approccio personalizzato.

In generale, è importante una programmazione dell’allenamento della forza mirata, con un’attenzione particolare ai carichi, al recupero e alla distinzione tra resistenza e forza massima.

Gli allenatori devono essere incoraggiati a evitare approcci standardizzati e a considerare le caratteristiche specifiche del calcio femminile e degli atleti individuali.

Donna di sollevamento pesi con bilanciere | Vettore Premium

Alcuni consigli

Ho chiesto alcune indicazioni generali a dei coach che allenano la forza e questo è quello che si sono sentiti di consigliarmi:

  1. Carichi Elevati per la Forza Massima: Il coach sottolinea l’importanza di utilizzare carichi elevati nell’allenamento della forza massima. Questo richiede una conoscenza del proprio massimale e l’uso di carichi più pesanti.
  2. Recupero Adeguato: Si consiglia di fornire un adeguato periodo di recupero tra le serie durante l’allenamento della forza massima. Questo varia da almeno due a cinque minuti, in modo da permettere al muscolo di recuperare completamente.
  3. Evitare Allenamenti di Resistenza alla Forza: Il coach avverte contro l’errore di considerare l’allenamento della forza come un allenamento di resistenza alla forza. In questo contesto, la resistenza alla forza si riferisce a ripetizioni con carichi medio-bassi e tempi di recupero troppo brevi, che possono causare accumulo di fatica e riduzione della performance.
  4. Fatica e Accumulo: Sottolinea che un recupero insufficiente tra le serie porta a un accumulo eccessivo di fatica, il che può essere controproducente per le atlete. Un recupero troppo breve impedisce ai muscoli di recuperare completamente e può aumentare il rischio di infortuni.
  5. Impatto sulla Performance: Il coach evidenzia come una preparazione atletica inadeguata, specialmente per quanto riguarda l’allenamento della forza, può influenzare negativamente la performance in campo. Un’adeguata preparazione fisica può fare la differenza soprattutto quando si affrontano squadre straniere.
  6. Differenziazione nei Carichi e nei Recuperi: Raccomanda di differenziare gli allenamenti a seconda degli obiettivi, utilizzando carichi più elevati e tempi di recupero più lunghi per l’allenamento della forza massima e regolando di conseguenza il volume e l’intensità.
  7. Rispetto per la Specificità del Calcio Femminile: Il coach sembra sottolineare l’importanza di adattare gli allenamenti alle esigenze specifiche del calcio femminile, tenendo conto delle caratteristiche fisiche e delle differenze di preparazione rispetto al calcio maschile.

La programmazione specifica dell’allenamento dovrebbe essere personalizzata in base alle esigenze individuali delle atlete e alle metodologie adottate dal coach.

E voi cosa ne pensate?

Share:

Leave a reply