“La Rivoluzione del Calcio Femminile: Rompere i Paradigmi”

211
0
Share:

“Gustavo Javier Levine: Dalla Leggenda del Calcio all’Evangelista del Calcio Femminile”

Gustavo Javier Levine, ex calciatore con un passato glorioso a Boca Juniors e Argentinos Juniors, è ora direttore tecnico e formatore presso il club Villas Unidas, di cui è anche socio fondatore. È anche parte della prestigiosa Scuola Professionale degli Allenatori di César Luis Menotti e ha fatto parte dello staff tecnico della selezione Under-20 di José Pekerman, contribuendo a tutto il processo giovanile con Gerardo Salorio. Ha scritto due libri sui processi formativi nel calcio. In un’intervista esclusiva con La Vanguardia, ha dichiarato riguardo alla crescita del calcio femminile: “bisogna rompere paradigmi, bisogna superare alcuni pregiudizi di natura culturale”.

In Argentina, il calcio femminile sta vivendo un’espansione straordinaria. In questo contesto, Gustavo Levine, ex giocatore di Boca Juniors e Argentinos Juniors, allenatore con una lunga esperienza nel mondo del calcio, è oggi una voce autorevole nel discutere dei processi di formazione, un aspetto centrale delle strutture sportive dei club. Dopo otto stagioni trascorse nelle giovanili, Levine ha avuto una breve esperienza nel calcio professionistico, indossando le maglie di All Boys, J.J. Urquiza e Deportivo Liniers. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, ha intrapreso la carriera di allenatore, diplomandosi nel 1997 e diventando parte del corpo docente della Scuola Professionale degli Allenatori di César Luis Menotti. Ha ottenuto anche la prestigiosa Licenza PRO, il massimo riconoscimento per un allenatore a livello mondiale. Nel settembre dell’anno scorso, ha messo a frutto tutti questi anni di esperienza nel calcio scrivendo il suo secondo libro, “Fútbol Femenino, Método de entrenamiento específico y Realidad cotidiana”, mettendo l’accento sulla mancanza di formazione nell’ambito del calcio femminile. Durante un’intervista esclusiva con La Vanguardia, Levine ha dichiarato: “Ho allenato in scuole calcio, nelle categorie giovanili maschili e femminili. Ho esperienza nel corpo tecnico della Nazionale Under-20 argentina sotto la guida di José Pekerman e con Gerardo Salorio in tutto il processo giovanile. Ho anche collaborato con loro nella gestione dei rapporti di gruppo durante il Mondiale del 2006. Ora sono sette anni consecutivi che alleno nel calcio femminile, sia in Primera A che in categorie inferiori. Ho la fortuna di poter discutere di calcio con Menotti, che conosce molto bene il calcio femminile”.

Domanda: Il calcio femminile sta chiaramente crescendo. Cosa ti ha spinto a diventare allenatore?

“La mia prima esperienza nel calcio femminile è iniziata a Balcarce, quando un gruppo di ragazze delle scuole nazionali e industriali voleva partecipare ai Tornei Juveniles Bonaerenses. Stavo lavorando nelle giovanili di Amigos Unidos e si sono avvicinate chiedendomi se volevo allenarle. Ho accettato con entusiasmo. Abbiamo partecipato ai Tornei Juveniles Bonaerenses, vincendo la fase municipale e raggiungendo la finale regionale. È stata un’esperienza molto gratificante. Nel 2017, ho avuto l’opportunità di lavorare nella prima divisione UBA, che ora si chiama Defensores de Belgrano, nel calcio femminile dell’AFA. Quindi, non è che mi sono avvicinato al calcio femminile a causa della sua crescita, ma è il calcio femminile che è venuto da me, mi ha abbracciato e mi ha detto: ‘Andiamo!’. È stato l’inizio di una bella avventura e penso di continuare a lavorare nel calcio femminile per molto tempo.”

Domanda: Hai allenato sia nel calcio maschile che in quello femminile. Quali sono le differenze nell’approccio?

“Decisamente non è la stessa cosa, ci sono molte differenze legate all’aspetto emotivo e alla modalità di relazione tra donne e uomini. Il trattamento è diverso, è necessario costruire un rapporto di fiducia, studiare e comprendere come le donne si relazionano all’interno del gruppo e con il loro allenatore. Nel calcio maschile, il linguaggio è spesso diverso; usare soprannomi o anche insulti può essere una forma di comunicazione tra uomini, mentre nel calcio femminile non è così comune. Prima di tutto, è importante stabilire un rapporto di fiducia tra l’allenatore e le giocatrici, e solo allora si possono introdurre soprannomi o occasionali ‘insulti’ positivi, che possono contribuire a rafforzare il legame. Nel calcio maschile, è una questione culturale, ma nel calcio femminile c’è ancora molto da fare per giungere a questa fase. Tuttavia, sappiamo che anche nel calcio femminile esistono dinamiche culturali, radicate nella comunità e nei campi da gioco, che influenzano il modo in cui ci relazioniamo. Ad esempio, l’uso di soprannomi è comune e spesso rappresenta una dimostrazione di affetto, un modo per esprimere attenzione e coinvolgimento. Quanto all’allenamento, richiede un’adattabilità costante da parte degli allenatori, poiché molte giocatrici, specialmente nelle divisioni inferiori, possono mancare agli allenamenti. Questo significa che dobbiamo adattarci costantemente alle circostanze e alle disponibilità delle giocatrici.”

Domanda: Come è stato adattare gli allenamenti e formare il gruppo per un processo professionale?

Adattare gli allenamenti richiede una costante flessibilità da parte di noi allenatori di squadre femminili, soprattutto nel calcio di prima divisione B, nella prima divisione C e in alcuni dei club più piccoli della prima divisione A. Questo vale anche per le province e altre città, dove non sempre tutte le giocatrici sono presenti agli allenamenti. Questo ci costringe ad adattarci costantemente alle circostanze. A volte può essere difficile perché pianifichiamo un’attività di allenamento pensando a determinate giocatrici e poi alcune di loro sono assenti, quindi dobbiamo adattarci di conseguenza.

Quanto riguarda le esclamazioni e i soprannomi, nel calcio maschile è molto radicato nella cultura. È una forma di interazione tra uomini chiamarsi per soprannome anziché per il nome reale, e talvolta persino un insulto può avvicinare invece di allontanare. Ma nel calcio femminile non funziona allo stesso modo. Prima di tutto, è necessario costruire un rapporto di fiducia tra l’allenatore e le giocatrici. Da lì inizia l’inclusione di soprannomi o l’uso di un “insulto” in modo positivo, che inizia a indicare che il rapporto sta crescendo. Nel calcio maschile, questo è radicato nella cultura, ma nel calcio femminile è diverso. Tuttavia, sappiamo che anche nel calcio femminile, tutto ciò ha radici culturali, legate al calcio di strada e di quartiere, da dove il calcio in Argentina trae la sua essenza. Ad esempio, i soprannomi sono comuni e di solito rappresentano una dimostrazione di affetto. È come se stessi prestando più attenzione e rendendo più vicina la giocatrice. Credo che questa pratica derivi da lì. Poi, negli allenamenti, cerchiamo sempre di allenarci al massimo delle nostre capacità. La scelta della capitana, ad esempio, dipende dall’osservazione di come si sviluppano i leader nei gruppi e dal loro impegno, e questo non cambia rispetto al calcio maschile.

Domanda: Nel team hai giocatrici di un livello molto elevato…

Più che sorprendere, mi delizia vedere qualsiasi calciatore, sia donna che uomo, esibire il proprio talento sul campo; tende ad emozionarci, portandoci sull’orlo della felicità. Ci riscalda il cuore e ci regala un immenso piacere assistere a ciò che possono fare all’interno di un campo da calcio. La verità è che non mi sorprende perché capisco che nel nostro paese la genetica ci ha sempre attratto verso il mondo del calcio. Non è una sorpresa; è gratificante. Per quanto riguarda la possibilità di continuare a migliorare… beh, come individui, siamo un’unità biopsicosociale, e qualsiasi aspetto che miglioriamo in questi tre ambiti implica un miglioramento negli altri due. Pertanto, nei nostri allenamenti dovremmo mirare a questi aspetti: il fisico, il tecnico e il tattico migliorano sempre, purché vengano coltivate anche le componenti sociali, relazionali, dinamiche di gruppo ed emotive. Quindi, sì, è possibile migliorare in tutti questi aspetti.

Domanda: Nel tuo libro “Calcio femminile” affronti la mancanza di formazione. Qual è la tua base per questa affermazione?

La mia base è radicata nella realtà. Attualmente, solo la divisione Primera A della AFA ha competizioni formali per le categorie under-14, under-16 e under-19. Né la Primera B né la Primera C hanno competizioni formali all’interno dell’AFA per le categorie giovanili, figuriamoci per i bambini. Le competizioni sotto il Consiglio Federale non vedono una significativa evoluzione. C’è una coppa di sviluppo per le categorie giovanili under-16, ma non tutti i club possono partecipare a causa della mancanza di infrastrutture e strutture. Quindi, c’è ancora molto che manca. C’è una grande differenza rispetto al calcio maschile perché i club si sono storicamente concentrati sul calcio maschile. Attualmente, l’infrastruttura dei club non è in grado di ospitare altrettante categorie nel calcio femminile quanto nel calcio maschile. Quindi, c’è una carenza significativa nella formazione. Questa situazione non è unica dell’Argentina; è diffusa nella maggior parte dei paesi dell’America Latina. Alcuni paesi hanno fatto progressi maggiori; il Brasile potrebbe essere un esempio, ma ciò è dovuto principalmente alla loro grande popolazione piuttosto che a un focus specifico sull’infrastruttura del calcio femminile. Pertanto, il mio riferimento è alla mancanza di competizione e infrastruttura nelle fasi di sviluppo. Inoltre, mancano professionisti formati, sia uomini che donne, per lavorare con il calcio femminile. La formazione specifica in questo settore è ancora carente. Abbiamo bisogno che le scuole per allenatori si concentrino su questi aspetti e trasmettano esperienza; attualmente, ci sono pochissime scuole per allenatori che menzionano anche “allenatori” invece di “allenatori e allenatrici” nei loro nomi. Questo è un grave problema. Naturalmente, c’è anche bisogno di interesse e impegno da parte di coloro che vogliono diventare allenatori di calcio femminile. Quello che deve accadere è un cambiamento in queste situazioni, l’espansione delle competizioni, dei programmi di formazione e dell’interesse a formarsi.

Domanda: Ci sono differenze nel modo di lavorare nel nostro calcio rispetto ad altri paesi?

Sì, ne parlo ampiamente nel libro. L’infrastruttura disponibile in alcuni paesi europei, negli Stati Uniti o in Messico significa che hanno altre opportunità. Potrebbe non essere necessariamente una maggiore conoscenza del calcio femminile, ma hanno un vantaggio di diversi anni. Negli Stati Uniti, dove il sistema universitario investe somme di denaro equivalenti nel calcio maschile e femminile, lo sport femminile ha prosperato. Questo vale in particolare per il calcio femminile, che è più sviluppato rispetto al calcio maschile negli Stati Uniti. Ci sono molte scuole di calcio e il calcio misto è incoraggiato nelle fasi iniziali fino all’età di 10, 11 e 12 anni, a differenza da qui, dove i fattori culturali hanno ostacolato questa pratica. Pertanto, esiste un modo diverso di lavorare. Credo che la crescita dell’Argentina nel calcio femminile possa superare questi metodi utilizzati in altri paesi entro 5 o 10 anni.

Domanda: Più pratica del calcio porta a un miglioramento del livello di abilità e alla comprensione delle dinamiche del gioco?

Assolutamente, questa è la base del mio metodo di allenamento e lo applico sia nel calcio femminile che in quello maschile. Tuttavia, la differenza significativa è nella fase in cui ciò avviene. Nel calcio maschile, le fasi di sviluppo precedono sempre l’alta competizione. Nel calcio femminile, le giocatrici raggiungono il vertice senza una formazione adeguata. Pertanto, c’è un bisogno urgente di allenarsi e competere contemporaneamente. Non possiamo permetterci di dedicare tempo esclusivamente all’allenamento quando dobbiamo concentrarci sulla competizione del prossimo fine settimana, dove siamo in gara per punti, promozioni o per evitare la retrocessione. Quindi, ci sono ancora molte urgenze nel calcio femminile, soprattutto nella massima serie, dove siamo sempre concentrati sull’obiettivo di migliorare lo spettacolo e di migliorare le condizioni generali delle giocatrici. Applico questo approccio a partire dal calcio a 11, che ha una struttura molto simile alla competizione reale. L’unica differenza è il livello di tensione generato dalla competizione. Tuttavia, la struttura del gioco, con 11 giocatori per parte, rimane la stessa durante l’allenamento e durante una partita. Qui, come allenatori, possiamo implementare aspetti concettuali del gioco, modificare situazioni, correggere errori, progredire e contemporaneamente lavorare per migliorare le abilità tecniche e tattiche individuali.

Domanda: Cosa pensi delle prestazioni della nazionale argentina nel Campionato del Mondo?

Sono rimasto con la sensazione che l’Argentina avrebbe potuto fare di più per guadagnare punti, vincere partite e assicurare la qualificazione. Ho avuto una conversazione con Germán Portanova, l’allenatore della nazionale, di recente perché abbiamo alcune differenze concettuali in proposito. Mi ha invitato a una chiacchierata davanti a un caffè per discutere questioni calcistiche, cosa che trovo molto salutare perché il calcio femminile è spesso pieno di discussioni che ruotano attorno alle questioni sociali e raramente ci addentriamo nel calcio stesso. Guardandolo in TV, ho avuto la sensazione che l’Argentina avrebbe potuto essere un po’ più aggressiva come squadra per cercare quei tre punti, soprattutto nell’ultima partita contro la Svezia quando vincere era fondamentale per avere una possibilità di avanzare. La Svezia, una delle tre squadre più forti al mondo, aveva già ottenuto la qualificazione e schierava nove cambi rispetto alla loro formazione titolare abituale. Pertanto, ho pensato che se l’Argentina avesse premuto alto nella metà campo avversaria, avrebbe potuto ottenere un risultato positivo. Perdere 2-0 con l’approccio tattico adottato o perdere con un maggior numero di gol con un approccio tattico più energico mirato a ottenere un risultato positivo ci avrebbe comunque eliminato dal torneo. Pertanto, ne discuterò con l’allenatore della nazionale, ed è qualcosa che ci arricchirà entrambi in futuro. Credo che sia lui che la AFA stiano facendo un buon lavoro nella promozione dello sviluppo del calcio femminile in Argentina. Le nazionali stanno lavorando bene, con molta continuità, e penso che col tempo le prestazioni nel prossimo Campionato del Mondo miglioreranno.

Domanda: Cosa si aspetta dalla sua squadra in questo torneo?

La mia visione del calcio trae ispirazione dalle squadre di César Luis Menotti e cerco di far giocare le mie allo stesso modo, adattandolo sempre alle capacità delle giocatrici che ho in rosa. Abbiamo avuto un inizio di torneo difficile in questa seconda parte che è iniziata alcune settimane fa, ma ci proponiamo da subito di migliorare. Il club in cui mi trovo si chiama “Villas Unidas” ed è nato da un’idea di Fernando Signorini, che è stato il preparatore atletico storico di Maradona e ha frequentato la scuola di allenatori di César Luis Menotti, oltre a essere coinvolto in due organizzazioni sociali. Il club fa parte della AFA come invitato nel calcio femminile ed è coinvolto anche nel calcio maschile con squadre giovanili. Il nostro grande obiettivo è sempre mantenere la categoria; nella Primera C, dove ci troviamo, cercheremo di far sì che il club continui a essere protagonista, questo è il nostro grande obiettivo.

Domanda: Quali parole vorrebbe lasciare alle ragazze che ancora non si sentono pronte a praticare il calcio…

Il messaggio è che bisogna rompere gli schemi. Vedo molte donne adulte – in confronto a una ragazza di 14 o 15 anni – di oltre 30 anni che mi chiedono se possono venire a provare. Chiedo loro se hanno giocato in qualche club. La risposta spesso è no, ma hanno molta voglia. Bene, apriamo loro le porte perché personalmente ritengo che l’opportunità debba essere data a tutte, poi dimostreranno se sono pronte dal punto di vista calcistico ed emotivo per far parte di una squadra di prima divisione, ma questo è un altro discorso. Essere una calciatrice è diverso dal giocare a calcio con le amiche. Bisogna rompere gli schemi, superare alcuni pregiudizi culturali. Il calcio, lo sappiamo bene, è un viaggio senza ritorno. Una volta che prendiamo gusto a

Share:

Leave a reply