Far muovere gli attaccanti

Ieri sera abbiamo giocato un amichevole dove la squadra avversaria ci ha messo in difficoltà rispetto ad alcune situazioni di gioco.

Una di queste situazioni è stata creata dal loro difensore centrale (più grande di un anno) che bloccava sistematicamente i nostri attaccanti sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista tattico.

I miei attaccanti hanno continuato a giocare puntando l’avversario in possesso palla e non creando occasioni per farlo muovere dalla sua zona.

Questa esercitazione può essere utile per mostrare agli attaccanti come avere la meglio sui difensori mantenendosi in movimento dentro e intorno all’area di rigore.

È importante mostrare ai nostri attaccanti che muovendosi possono aprire spazio dietro i difensori per segnare gol. E’ importante anche i movimenti vengano fatti rientrando verso centrocampo sia con contro movimenti che con movimenti a mezzaluna.

Per svolgere l’esercitazione utilizziamo sia il reparto della difesa che quello degli attaccanti con un centrocampista che gioca il pallone oltre i difensori nello spazio. Gli attaccanti devono fare movimenti che portino fuori i difensori e crearsi lo spazio per poi rientrare velocemente in area.

L’obiettivo principale è far muovere i nostri attaccanti senza palla per farli rientrare nello spazio o eventualmente per favorire gli inserimenti dei centrocampisti.

Il muoversi senza palla rientrando verso il centrocampo porta anche un altro vantaggio rispetto alla copertura preventiva. Se in una nostra azione perdiamo la palla. In fase di non possesso l’attaccante andrà a pressare subito l’avversario per indirizzarlo nella zona di campo voluta. Ieri ad esempio in un paio di azioni uno dei nostro attaccanti ha perso la palla con la squadra sbilanciata e abbiamo favorito la ripartenza degli avversari che ci è costata un paio di goal.

Quando con i ragazzi abbiamo ragionato sulla partita, questi aspetti sono venuti fuori in modo evidente e ci siamo ripromessi di lavorarci su nel prossimo allenamento. Vediamo se nella prossima partita se riusciremo a mettere in difficoltà il bravo difensore avversario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *