Il contrasto diretto

Per un difensore è molto importante conoscere i comportamenti da attuare quando si affronta un avversario con la palla, sia che questi tenti di superarlo con un dribbling, sia che questi provi a trovare il tempo e lo spazio per liberarsi dal pallone, effettuando un passaggio o addirittura un tiro in porta.

Per impedire lo sviluppo dell’azione avversaria e, in alcuni casi, per poter riconquistare il possesso della palla è molto importante il fondamentale tecnico del contrasto, in cui si va ad affrontare un avversario in possesso di palla.

Una classificazione generale può inizialmente dividere i contrasti in tre grandi tipologie con relativi esercizi.

Contrasto Frontale. Posizionare una palla al centro di un quadrato di 10 metri quadri circa per un 1 contro 1. Al segnale del mister, i giocatori cercano di vincere la palla con un contrasto frontale e conducono la palla fuori dalla linea all’estremità opposta. Il contrasto sarebbe da effettuare effettuato con la parte interna del piede vicina al malleolo, o con il collo piede, perché sono le parti del piede più dure e sarebbe meglio riuscire a colpire la palla “sotto”, alzandola e, di fatto, togliendola al controllo dell’avversario. La gamba di appoggio deve garantire la forza. I giocatori dovrebbero esercitarsi usando entrambi i piedi.

Contrasto laterale. In questa esercitazione entrambi i giocatori iniziano da un lato del quadrato vicini ai vertici. L’attaccante conduce a velocità ridotta la palla verso il lato opposto, consentendo al difensore di esercitarsi nell’esecuzione del tackle laterale. Dopo alcuni tentativi, i giocatori cambiano ruolo. Andrebbe effettuato con il piede più lontano rispetto alla posizione della palla e dopo una torsione del corpo eseguita in modo da posizionarsi frontalmente rispetto all’avversario in possesso di palla. I giocatori dovrebbero esercitarsi usando entrambi i piedi.

Scivolato o tackle. I giocatori iniziano alle estremità opposte. L’attaccante conduce in avanti a velocità ridotta prima che il secondo giocatore, il difensore, inizi la sua corsa e scivolata. uesta dovrebbe essere effettuata con il piede più lontano rispetto alla posizione della palla dopo essersi allontanati leggermente dall’avversario, in modo tale da ottenere lo slancio giusto. Dopo alcuni tentativi, i giocatori cambiano ruolo. I giocatori dovrebbero esercitarsi usando entrambi i piedi.

Oltre alla tecnica del contrasto è importante lavorare sui tempi di marcamento, quando il difensore affronta un giocatore in possesso palla. 
Siccome le esercitazioni possono essere proposte in numerose varianti è importante anche variare il tempo. Ad esempio l’entrata in campo del difensore potrebbe essere ritardata, per rendere ancora più difficile il suo compito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *