Steven Gerrard: captain fantastic (fantastico capitano)

Steven George Gerrard è un allenatore di calcio ed ex calciatore inglese (capitano del liverpool per molti anni) , di ruolo centrocampista, tecnico dei Rangers.
Giocatore di caratura mondiale, è considerato da molti uno dei centrocampisti più forti della storia del calcio inglese.
Ha esordito in Premier League nel 1998 e a livello internazionale nel 2000 con la maglia dell’Inghilterra, tra i suoi trofei più importanti figurano le vittorie in Champions League 2004-2005 e in Coppa UEFA 2000-2001.
Dal 2003 al 2015 è stato il capitano del Liverpool, club in cui ha militato sin dalle giovanili, per poi trasferirsi ai Los Angeles Galaxy con i quali ha concluso la carriera alla fine del 2016.
È primatista di reti (41) con il Liverpool nelle competizioni UEFA per club.
In Nazionale vanta la partecipazione ai campionati d’Europa del 2000, del 2004 e del 2012, nonché al campionato del mondo 2006, al campionato del mondo 2010 e al campionato del mondo 2014.

Per parlare di Steven Gerard partiamo di cosa era per lui ‘essere capitano’.
“When you’re captain, you can’t afford to be down, feel sorry for yourself and mope around,” Gerrard said. “Everyone in this group looks to me to see what mood I’m in, so I have to shake it off quick.”
<<Quando sei capitano, non puoi permetterti di stare giù, sentirti dispiaciuto per te stesso e girovagare”, disse Gerrard. “Tutti in questo gruppo mi guardano per vedere in che stato sono, quindi devo scrollarmi tutto di dosso>>.

Gerrard pare abbia cercato di vivere fino a un ideale senza tempo tutto ciò che significa esattamente “la fascia”. Voleva dare l’esempio e ne ha offerti così tanti da essere esattamente questo: un capitano ideale senza tempo.
“A volte mi fermo sul vialetto di casa da Melwood e mi siedo in macchina e dico a me stesso:” Sono il capitano della squadra di calcio del Liverpool “. Per un ragazzino cresciuto a Huyton, che stava sul Kop, essere capitano del Liverpool è un onore incredibile. Penso a tutti i grandi che hanno guidato il Liverpool, veri leader come Ron Yeats, Emlyn Hughes, Thommo [Phil Thompson], Graeme Souness, Alan Hansen, e ora io. ”

È possibile che Gerrard senta il ruolo di capitano più profondamente di chiunque altro nel gioco moderno, proprio perché è così consapevole e riconoscente del lignaggio che segue e delle dimensioni che comporta.

Molti giocatori e allenatori ritengono che la leadership sia una qualità con cui le persone nascono – o ce l’hanno o no.
Contrariamente a questa convinzione, la leadership può essere appresa e sviluppata, ei giocatori possono assumere ruoli di leadership in molte forme diverse.
Come giocatore, puoi migliorare la tua leadership fornendo una forte presenza vocale dentro e fuori dal campo.
Essere un leader vocale implica avere capacità comunicative efficaci. Ciò significa che fornisci incoraggiamento e feedback positivi ai compagni di squadra che stanno andando bene
e raduni i giocatori intorno a te per mantenere un alto livello di messa a fuoco e intensità durante il gioco.
Essere un leader vocale significa anche essere in grado di fornire un feedback didattico ai giocatori che ne hanno bisogno, suggerendo dei modi per aiutarli a migliorare il loro gioco, senza criticarli.
Oltre la comunicazione, i giocatori possono anche diventare leader attraverso le loro azioni.
Come giocatore, puoi dare l’esempio attraverso il livello costantemente alto di sforzo, concentrazione e intensità che porti ad ogni allenamento e gioco.
Puoi anche dare l’esempio sviluppando la capacità di rimanere composto e gestire le tue emozioni durante una partita.
Come molte altre abilità mentali, questa compostezza implica concentrarsi su ciò che puoi controllare come giocatore – e non lasciare che distrazioni come il tempo, i giocatori della squadra avversaria o le decisioni dell’arbitro allontanino la tua attenzione da quello che devi fare in campo.

Gerrard aveva sviluppato entrambi queste doti.

Così lo descrive Dietmar Hamann (ex Bayern) suo compagno di squadra per 7 anni.
Ho avuto la fortuna di giocare con leader come Oliver Kahn e Lothar Matthäus.
Ho giocato con i vincitori della Coppa del Mondo e la Champions League prima che arrivassi in Inghilterra, quindi conoscevo lo standard di prestazione richiesto per raggiungere il massimo: Steven Gerrard l’aveva fin dai primi giorni.
Quando sono entrato a far parte del Liverpool nel 1999, tutti erano entusiasti di questo ragazzo ma il potenziale non è garanzia di successo. La vita diventa seria quando giochi contro gli uomini. Devi fare sacrifici. Non puoi uscire con i tuoi amici. Ecco perché molto non ce la fanno, ma questo non è stato un problema per Stevie. La sua etica del lavoro è stata brillante, eccezionale.

Ci sono stati momenti meravigliosi in campo, ma è stato anche brillante “dietro le quinte”. La sua condotta nel corso degli anni è stata eccezionale come il suo desiderio di diventare un giocatore migliore.
Il suo talento era lampante: passatore fantastico, molto potente e dotato di una velocità in progressione quasi inarrestabile. Convinto assertore dell’efficacia dell’allenamento. Non aveva paura. Era rispettoso ma provava tutto ciò che era in suo potere per vincere partite e fare bene.  Tutto ciò che voleva era giocare per il Liverpool. Vincere per il Liverpool.

Ha fatto irruzione nella squadra e divenne un leader. Ha segnato gol, cambiato partite in una frazione di secondo. C’era molta pressione su di lui: un ragazzo del posto che capitanava la sua squadra: non si è mai nascosto. Più responsabilità assumeva meglio reagiva.
Nella finale di Champions League contro il Milan è stato una delle forze trainanti della nostra vittoria: ha segnato l’importantissimo primo gol per rimetterci in gioco. Era un leader e averlo sul campo ci ha sempre dato una grande convinzione. Un anno dopo eravamo morti e sepolti nella finale della FA Cup contro il West Ham e ci ha salvato con quel lancio da 30 metri nell’ultimo minuto.

Tuttavia, non sono solo i suoi eccezionali risultati nel campo da gioco che contraddistinguono Gerrard come un esempio ma anche quello  che faceva fuori dal campo. Ha sempre rispettato il suo fisico in termini di dieta, non consumando alcol e riposando il necessario tra le partite.
Ed è questo il tipo di dedizione completa e totale a diventare il migliore nel tuo campo che il manager nazionale della Francia Houllier ha instillato in Gerrard fin dalla più tenera età, e che lui stesso ha passato alla generazione più giovane dei giocatori del Liverpool negli anni.
È solo un grande modello da cui imparare. Non puoi dire abbastanza su Stevie. Vive la vita di un vero calciatore professionista. Sul campo non ci sono stati molti altri modelli di riferimento più ispiratori di Gerrard negli ultimi 15 anni: il capitano Fantastic del Liverpool che preferiva guidare con i fatti anziché parole.
Nessuna “simulazione”, arringaggio di arbitri o scherno di avversari o di fan, nessun attaccamento malizioso o intenzionale per ferire gli avversari, solo rispetto per i propri compagni di squadra e gli avversari.
Giocare il gioco nello spirito giusto in ogni momento, sempre.

Il regista dell’Arsenal e dell’Inghilterra Jack Wilshere ha avuto questo da dire su Gerrard (via Daily Mail ):
È stato il cuore pulsante di Liverpool per anni. È stato anche interprete di spicco per l’Inghilterra. “È un grande modello per me. Se riesco a guidare la squadra in avanti come fa lui, allora sarò felice. Era qualcuno a cui guardavo quando ero giovane. Per qualsiasi giovane centrocampista è qualcuno su cui basare il proprio gioco e cercare di essere come lui.”

E come si conviene a un giocatore che preferisce far parlare il campo, raramente ci sono dei pettegolezzi su Gerrard, sia sul campo che fuori, a differenza di molti dei suoi colleghi professionisti troppo viziati.

Ha sempre sostenuto i suoi compagni di gioco e questo a dimostrazione che era un leader. Tuttavia, forse il più grande attributo di Gerrard e uno dei principali motivi per cui è il modello di riferimento per i giocatori di tutte le età a cui aspirare è il fatto che è sempre, sempre alla ricerca di miglioramenti al suo gioco. Di conseguenza, se gli altri giocatori vedono che uno dei migliori centrocampisti di questa o di qualsiasi altra generazione sta ancora cercando di migliorarsi, allora che esempio impressionante deve essere per loro.

“Nel Liverpool Gerrard è il modello per tutti”. È passato attraverso l’accademia, ha vinto tanto ma sta cercando di ottenere ancora di più. E questo è fantastico. Quando vedi un giocatore a quel livello, che vuole ancora migliorare sempre di più, pensi a te stesso, e ti dici: “Devo combattere ogni giorno per avvicinarmi a quel livello” e so che devo lottare per giocare per questo club.

I nostri giovani giocatori, non avranno un modello più grande da seguire. Se sono abbastanza brillanti, impareranno da lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *