Triangolo e passaggi

I giocatori devono continuamente affinare il passaggio ed essere concentrati sull’importanza e sulla precisione con cui trasmettere e ricevere il pallone. Lavorare sulle figure geometriche (triangolo, quadrato, ecc.) aiuta sempre i giocatori a ragionare sulla postura e gestione della palla.

Passaggio preciso, ricezione orientata con stop a seguire e intensità. Esercizio semplice ma se il risultato sarà soddisfacente ne migliorerà in generale il possesso palla della squadra.

Dividiamo la squadra in gruppi da tre e posizioniamo i coni a forma di triangolo con il lato di circa 10 metri.

Passaggio di precisione e ricezione orientata a due tocchi per poter effettuare il passaggio sul cono successivo. 

Una volta che un giocatore ha completato il proprio passaggio corre in avanti seguendo il suo passaggio per unirsi al retro del gruppo successivo. Gestire la triangolazione in senso orario e antiorario sottolineando la postura del corpo per anticipare il passaggio successivo e favorire la ricezione orientata.

Successivamente variamo la lunghezza del triangolo raddoppiandola. In questo caso quando i ragazzi ricevono la palla devono controllarla in e muoversi all’esterno del cono per effettuare con precisione il passaggio successivo. Importante sottolineare la precisione del passaggio.

Dopo aver effettuato l’esercizio in senso orario e antiorario aumentare l’intensità introducendo un tempo massimo per fare 5 triangolazioni senza errori. 

Per sviluppare competizione introdurre anche una premio per i gruppi che vincono rispetto agli altri gestendo al meglio l’esercizio e il miglior tempo.

Un successivo sviluppo potrebbe essere una partitella 3 contro 3 dove le squadre hanno l’obiettivo di portare la palla oltre la linea di fondo (oppure fare goal nelle porticine)  effettuando almeno un tocco per ogni componente della squadra.

In questo modo il giocatore dovrà ragionare ed esercitarsi sul controllo della palla e  sulla possibilità di avanzare in campo facendo triangoli con i compagni di squadra.

Anche in questo caso si può mettere tutto sotto forma di campionato e vedere chi vince tra le varie squadre. 

Qui alcune triangolazioni durante la partita dell’Aiax, veri specialisti di questo fondamentale, durante la partita con la juve in champions. 

Triangolo
Triangolo
Triangolo

Cronaca di una stagione difficile

Far parte del team del misterone.com mi ha permesso di ritrovare una parte di me stesso che negli anni avevo perso per strada.

Ho sempre amato riflettere in silenzio su tutto quello in cui la vita di ogni giorno mi catapulta e,  ancor di più, ho sempre amato condividere questi pensieri con le persone più care. 

Questo blog mi ha permesso di avere un nuovo amico, una nuova persona cara con cui confidarmi nel momento del bisogno.

Così, stasera davanti a pc e ad una tazza di caffè, mi ritrovo a riflettere su questa stagione che sta finendo.

Una stagione travagliatissima, in assoluto la più difficile della mia vita; non sono qui per condividere le mille cause di questo “parto” , avendole già ampiamente analizzate ogni settimana da agosto ad oggi, quanto per raccontarvi ciò che questa annata ha portato in me.

A luglio o ad Agosto, prima di cominciare le attività, sulla carta partiamo probabilmente tutti con ambizioni e motivazioni da sceicchi.

La stagione parte quindi con molta carica, inizia il mio primo anno con i Giovanissimi B 2005 in compagnia dell’amico Cristian (che sfortunatamente è dovuto stare fuori dal campo per tanti mesi causa uno sfortunato incidente).

Ti accorgi però in poche settimane che le premesse non sono rispettate; la squadra non gira in nessun modo e le dure sconfitte continuano a fioccare, con tutti i conseguenti danni al morale di un gruppo  molto fragile.

Ma soprattutto, capisci che il vero “dramma” è senza dubbio percepire di non esser stato minimamente in grado di accendere l’anima di questi ragazzi.

Dopo un chiarimento di novembre necessario con la società, continui a portare avanti la stagione rendendoti perfettamente conto della difficoltà della sfida.  E infatti, a parte qualche rarissimo lampo, la situazione non migliora…anzi!

Sei cosciente di essere ingabbiato in un vortice di negatività totale: gli allenamenti diventano faticosissimi, un qualcosa che vorresti evitare come il dentista e quell’ora e mezza sul campo (per tre volte a settimana) ti porta più stress e rabbia di  8 ore di lavoro quotidiano. 

Sensazioni  mai provate prima, che probabilmente non sono nemmeno stato troppo capace di camuffare davanti a dei ragazzi di 13/14 anni.  E sia chiaro, questo è stato per molti mesi un grosso macigno sulla mia coscienza. 

Dopo tante delusioni e tante aspettative spesso riviste, il campionato termina malamente con un penultimo posto in classifica. È quindi tempo di nuovi obiettivi per il riscatto: i tornei primaverili.

Un giorno di Aprile, dopo una delle tradizionali e continue riflessioni di cui parlavo prima, osservando vecchi e bellissimi ricordi ebbi un’illuminazione.  Semplicemente, mi accorsi di aver sbagliato tutto!  Avevo impostato l’annata senza ascoltare ciò di cui questo gruppo di ragazzi aveva bisogno: divertimento, serenità. Li avevo bombardati per mesi di tantissime cose diverse, senza accorgermi che non si stavano minimamente divertendo nelle loro ore di svago settimanale (e di conseguenza era impossibile pretendere qualcosa ).  E, manco a farlo apposta, era proprio quello che stava succedendo a me.

Corsi subito il giorno dopo a SCUSARMI con loro per tutte queste mie mancanze, gli rinnovai la mia fiducia e cercai da quel giorno di liberargli la mente il più possibile e alimentargli quell’entusiasmo fanciullesco nel rincorrere il pallone, in modo da finire col sorriso quest’anno calcistico.

La stagione deve ancora terminare, ma da quel giorno qualcosa è cambiato davvero.

Il torneo Scirea, un importante torneo organizzato dalla Juventus Club Parma che sulla carta ci dava già sconfitti con 6 gol subiti a partita, si sta rivelando spettacolare (per la nostra dimensione) e pieno di sorprese.

Vari ragazzi sono stati adocchiati e qualcuno ha ricevuto importanti chiamate,  ma soprattutto con immenso piacere ho notato che tutto il lavoro affrontato con rabbia, stress e nervosismo nei grigi mesi precedenti non è stato affatto tempo perso e che la maggior parte di loro ha raggiunto un ottimo livello di prestazioni.  

Vedere una squadra giocare alla pari (talvolta meglio) contro avversarie arrivate nei primi 2 posti dei rispettivi gironi, e quindi giocatori CRESCIUTI,  è stata già una enorme soddisfazione.  Gioire per una splendida vittoria mercoledì scorso è stata un’emozione unica, che ci ha ridato tanto entusiasmo e tanta forza.

-Perchè ho scritto questo articolo?-

Come vi ho già detto, amo condividere le mie riflessioni. A volte lo scarso tempo libero ostacola questo processo.

Ma la cosa più importante che ho acquisito da questo anno devastante per tutti (si, lo devo dire) è che non è mai troppo tardi per ammettere gli errori e provare a cambiare le cose. 

Anche di fronte ad 8 mesi di bastonate violentissime e di motivazioni sotto terra, è sempre cosa giusta continuare a lottare…improvvisamente può arrivare qualche raggio di sole a riscaldare la situazione.

Pur non meritandomi di prendere tutte le colpe,  l’annata 2018-2019, come già detto,  è stata molto preziosa come esperienza, ma allo stesso tempo  molto pesante per la mia autostima. 

Il mio carattere e i miei valori mi hanno portato dopo questo “parto” a fare un passo indietro e a ripartire da capo,  con bambini di un’età che penso scoraggerebbe la maggior parte degli allenatori lettori di questo blog: classe 2012!

La mia missione, oltre ad aver bisogno di ritmi più tranquilli, è quella di trasmettere tutto ciò che ho imparato in questi anni con le classi 2005, 2004, 2003  a bambini di 7/8 anni, per far si che arrivino pronti alle annate successive e abbiano una esperienza di scuola calcio soddisfacente e completa.  Negli anni sulla mia pelle ho vissuto infinite lacune e mancanze che hanno ostacolato il mio lavoro e quello dei miei colleghi delle “classi grandi”.

Siamo giunti alla fine dell’articolo. Una cosa è certa, vi ho raccontato tutte le nostre disavventure, ma nell’album dei ricordi la foto di questi ragazzi sarà per sempre presente.  

Grazie ragazzi!

La morale è sempre quella………….NON MOLLARE MAI!

 

 

 

 

1 contro 1 e 2 contro 2

Esercizio semplice, veloce e competitivo per introdurre i ragazzi a questo tipo di duelli (1 contro 1, 2 contro 2, 3 contro 3, ecc). Più sono piccoli e più è importante che capiscano dall’inizio le regole del gioco chiarendo subito l’obiettivo finale.

1 contro 1

I giocatori devono percorrere il campo e girare attorno al paletto per poter recuperare la palla. Il primo giocatore che arriva attacca e l’altro difende. Lasciare qualche secondo per finalizzare l’azione.

Dividendo i giocatori in due squadre riusciamo a fare una piccola competizione dove la squadra che segna più goal, dopo un paio di giri di tutti i giocatori, vince.

1 contro 1

Per evitare che i ragazzi si stanchino velocemente possiamo creare più percorsi da fare prima di raggiungere la palla per effettuare il duello.

1 contro 1

Un successivo sviluppo potrebbe essere di farlo fare a coppie (uno gira intorno al paletto e l’altro gira attorno alla porta). Personalmente dopo vari 1 vs 1 faccio fare 2 vs 2 ma anche 3 vs 3 e 4 vs 4.

I ragazzi si divertono lavorando sulla reattività e sulla posizione e sviluppano anche una buona cooperazione con i propri compagni.

Gestire la difesa

E’ importante introdurre nei nostri ragazzi i concetti di supporto e di pressione difensiva. In questo primo esercizio lo scopo è abituare i ragazzi ad aiutarsi e a chiamare i compagni (scarico sul sostegno) per gestire la difesa e portare avanti la palla.

Il giocatore 1 passa al giocatore 2 e gli chiama il sostegno. Il giocatore 2 scarica su giocatore 1 che lancia su giocatore 3. Giocatore 2 chiama il sostegno e riceve lo scarico della palla dal giocatore 3. Giocatore 2 lancia lungo per giocatore 4 mentre il giocatore 3 chiama il sostegno e riceve lo scarico dal giocatore 4 andando così verso la porta a tirare. A fine esercizio tutti i giocatori scalano di una posizione.

Per la pressione difensiva all’inizio è importante dividere secondo le caratteristiche i ragazzi e fare una linea di difesa contro una linea di attacco.

Al fischio il giocatore 1 e il giocatore 2 fanno una corsa sulla palla. Il primo che arriva diventa il difensore (insieme a tutta la sua squadra) e comincia a giocare un possesso palla contro la squadra dell’altro giocatore che diventa la squadra di attacco che deve fare pressione.

Gli obiettivi del possesso palla possono essere variegati secondo le caratteristiche dei ragazzi: dieci passaggi consecutivi, cinque consecutivi e un colpo di testa, toccare gli angoli del quadrato, ecc. Se la squadra avversaria interrompe il possesso si trasforma in squadra difensiva avendo come obiettivo la metà delle cose da fare della prima squadra di difesa. Quindi se la prima squadra ha l’obiettivo di fare un possesso di dieci passaggi consecutivi, se gli avversari conquistano palla l’obiettivo diventa 5; se a loro volta riperdono palla, l’obiettivo diventa 3 passaggi, ecc. finchè non si arriva a dover ricominciare dalla corsa iniziale.

Ovviamente visto che l’obiettivo è la pressione difensiva la competizione diventa molto importante ed è importante assegnare un punteggio per ogni possesso compiuto in modo che alla fine della fase di allenamento si sappia chi è la squadra che ha ottenuto più punti e quindi che ha vinto il possesso.

E’ importante sottolineare le posizioni che soprattutto i ragazzi senza palla devono tenere. Una buona comunicazione tra di loro è la chiave del successo chiamando di volta in volta le marcature o le linee di passaggio o lo scarico sul sostegno.

Importante anche sottolineare la precisione nel passaggio e il movimento immediatamente successivo per andare ad attaccare gli spazi vuoti e rendersi così disponibile ad un nuovo possesso palla.

Allenarsi con le partitelle: 4 contro 4 cambiando avversari

Allenarsi con le partitelle significa che alcuni obiettivi vano chiariti prima dell’allenamento e definiti per ogni partitella. Ad esempio le squadre devono essere in grado di muovere rapidamente la palla per costruire un attacco efficace mentre i difensori devono essere in grado di coprire la palla e intercettare le linee di passaggio su diverse situazioni.

 

Possiamo dividere il campo in questo modo e iniziare con due partite giocate simultaneamente in orizzontale. Ognuno dei campi sarà abbastanza affollato ma i giocatori devono imparare a sentirsi a proprio agio in queste situazioni e cercare di prendere le giuste decisioni su come passare la palla e come muoversi.

 

Dopo un certo tempo o un certo numero di goal cambiamo avversari e direzione del campo giocando in verticale.

Come mister alterniamo le partite in modo da far assumere in campo rapidamente ai giocatori le giuste posizioni in relazione alla nuova direzione di gioco.

L’ultima situazione di gioco sarà un 8 contro 8 dove ciascuna delle squadre ha quattro porte per segnare e deve difendere le altre quattro porte. . L’allenatore passa continuamente le palle sul campo affollato e i giocatori devono cercare di aprirsi e fare un buon passaggio a terra attraverso una delle loro porte per segnare.

Contropiede perfetto : Belgio 3 Giappone 2

Una delle partite sicuramente più coinvolgenti di questo mondiale fino all’ultimo quando il Belgio ha attuato il contropiede perfetto e in quei drammatici secondi finali è passato da una parte all’altra del campo in un batter d’occhio per segnare il goal che ha completato la rimonta e ha spezzato il cuore del Giappone.

Contropiede perfetto

Area del Belgio, calcio d’angolo per il Giappone, palla a Courtois che lancia  De Bruyne che corre per almeno 60 metri seguito da altri giocatori del Belgio. De Bruyne ha scelto il momento giusto per passare sulla fascia destra a Meunier che prontamente crossa rasoterra in mezzo allì’area. Velo di Lukaku e goal di Chadli chedi sinistro insacca il 3 a 2.

Che momento. Che inversione di tendenza.

Mi dispiace molto per io giapponesi che stavano impersonando l’ennesima favola calcistica ma da buon mister il contropiede del Belgio mi ha fatto luccicare gli occhi…come provarlo in allenamento con i ragazzi?

 

E’ necessario fare un riscaldamento adeguato e puntare l’attenzione sul fatto che questo tipo di esercizio non si risolve con un’azione individuale che però è fondamentale nel cercare il primo sprint per guadagnare profondità. Importante anche che tutti siano reattivi e che mantengano la posizione per sfruttare adeguatamente l’errore avversario.

A centrocampo in un quadrato di 10 per 10 metri superiorità numerica con un 4 contro 2. Giocano un possesso palla a due tocchi (per i più grandi ad un tocco).
Dopo 5 passaggi possono passare la palla al proprio compagno che fa da boa sulla linea di fondo oppure segnare direttamente nelle porticine.

I giocatori rossi devono cercare di recuperare la palla all’interno del quadrato oppure di fermare il passaggio alla boa o intercettare il tiro alle porticine.

Se un giocatore blu segna, la sua squadra mantiene il possesso; in caso contrario, i rossi  iniziano un contropiede rapido in superiorità. il goal della squadra rossa è valido se tutti i giocatori sono oltre il quadrato verso la porta avversaria.

Possesso palla, precisione sui passaggi, pensiero rapido, corsa e posizione. Ci sono molti punti su cui mettere l’attenzione anche se in questa esercizio predomina la reattività.

Riscaldamento Inghilterra prima del mondiale

Un video sul riscaldamento Inghilterra prima del mondiale. I giocatori fanno una partitella con l’obiettivo di fare goal in piccole porticine o in porte normali con giocatori sponda ai margini del campo. Poi giocano schierati in un campo piccolo per continuare con cross a favore di tre attaccanti e finire con partitella sempre in campo piccolo.

Il campo piccolo favorisce il tiro in porta di entrambe le squadre creando opportunità di vari goal e quindi di divertimento per i giocatori. Già dalla prima partitella di riscaldamento ad un tocco viene favorita la visione laterale con movimenti, gioco di sponda  e tiro nelle porticine ai lati del campo. 

 

Riscaldamento complicato da adottare con i ragazzi ma che si può semplificare riducendo il numero di giocatori e creando in campo un 2 contro 2 con sponde dislocate solo nella metà campo di attacco in modo da creare superiorità attacco contro difesa. La squadra in difesa dovrà lavorare duramente per bloccare le croci che si vengono a creare. Dopo che i ragazzi hanno capito il meccanismo introdurre il tocco di prima per inserire altre variabili di valutazione come movimento, posizione, precisione, ecc.

 

MI piace sempre molto invece la partita a campo piccolo con i reparti schierati in ampiezza perché favorisce la visione di gioco e permette comunque di andare a tirare in porta molto.

Riscaldamento finisce con cross che permettono a tre giocatori di coprire l’area e di affinare il tiro in porta di testa o di piede a seconda delle situazioni.

I mondiali sono un’ottima occasione di vedere all’opera strategie e tecniche di giocatori famosi che possono stimolare oltremodo i nostri ragazzi. Ovvimente gli allenamenti vanno semplificati ed adeguati ai ragazzi ma offrono spunti sempre molto interessanti.

Riscaldamento del Senegal

Il riscaldamento del Senegal visto in tv l’altro giorno è sicuramente brillante e divertente.

Come mister non riuscirei mai a proporlo ai miei ragazzi ma mi piace pensare che l’idea di fare questo tipo di riscaldamento sia nata nello spogliatoio come desiderio della squadra di scacciare la tensione nel tentativo di “cementare” il più possibile il gruppo.

Personalmente sono più legato a riscaldamenti classici.  Mi piace lavorare su un percorso che porta i giocatori ad entrare in partita attraverso il movimento della palla e il pressing offensivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

I giocatori sono divisi in coppie. Due coppie (attaccanti e difensori) iniziano nel mezzo del cerchio centrale mentre altre si mettono all’esterno del cerchio. La coppia attaccante deve mantenere il possesso per 30 secondi al fine di segnare un punto. E’ possibile fare l’uno-due con i giocatori all’esterno. Se il possesso è perso, l’altra coppia tenta di mantenere la palla per 30 secondi.

Ogni 90 secondi si ruotano le coppie.

I giocatori al centro del cerchio lavorano sodo sia sul movimento che sulla copertura e pressing mentre i giocatori esterni devono essere attenti e pronti a ricevere la palla in ogni momento per poter fare l’uno due.

Non sarà divertente come il riscaldamento del Senegal ma è efficace e i ragazzi vedo che comunque si divertono nel farlo.

Decidere in velocità

Gioco utile per riscaldare i fondamentali e per predisporre i giocatori a decidere in velocità.

Tre squadre da quattro giocatori (due che giocano una contro l’altra e una terza che occupa le porte facendo giocare i giocatori proprio come se fossero portieri).

Si gioca per cinque minuti e poi si ruotano le squadre. La squadra in possesso può fare goal in qualunque porta. Nel riprendere il gioco o dopo una parata il portiere serve la palla alla squadra avversaria che non può fare goal nella stessa porta.

 

Ovviamente vince la squadra che alla fine del tempo avendo ruotato in tutte e tre le posizioni segna più goal.
Questo gioco aiuta a sviluppare la distribuzione rapida della palla con gioco veloce da parte degli attaccanti con smarcamenti, rimbalzi e colpi ravvicinati.

Per aumentare l’intensità e la competizione possiamo limitare il numero di tocchi a uno o due. Altra variabile importante diventa il portiere che quando salva il tiro, può lanciare su qualsiasi attaccante che se segna al volo ottiene un punto doppio oppure triplo se segna da un colpo di testa.

Diventa quindi un esercizio semplice che può essere arricchito con tanti fondamentali dove l’obiettivo principale è promuovere l’iniziativa personale di ogni giocatore.

Sviluppo della competizione – cerchio interno

Gioco sullo sviluppo della competizione adatto soprattutto agli esordienti e giovanissimi.
Si hanno due cerchi: (la dimensione del cerchio interno può essere quella del centrocampo. Si posiziona quattro giocatori nel cerchio interno e due squadre da quattro giocatori ciascuna nel cerchio esterno (che non possono entrare nel cerchio interno).

sviluppo della competizione

Ogni squadra nel cerchio esterno ha una palla e può segnare un punto passando la palla attraverso il cerchio interno ad un compagno di squadra sull’altro lato.

I passaggi devono essere rasoterra o comunque inferiori all’altezza della vita e devono passare tra almeno due difensori  (palla che passa vicino al bordo esterno guardando un unico difensore non è valida).

Vince  la prima squadra che arriva a dieci punti e poi si cambiano i difensori.

Controllare soprattutto che i giocatori nella cerchia esterna non tentino di attraversare il cerchio interno.

Per aumentare intensità e ritmi si può introdurre di giocare ad un tocco per
costringere i giocatori a reagire rapidamente oppure usare solo una palla per costringere le due squadre esterne a competere tra di loro (sempre senza entrare nel cerchio interno).