Temporeggiamento e possesso palla

Semplice esercizio per far capire ai ragazzi come gestire una difesa in inferiorità numerica. I difensori chiamati a proteggere la loro zona di campo devono applicare delle tattiche di temporeggiamento finché non riescono a ristabilire almeno la parità numerica.

La squadra arancione è in possesso palla con l’obiettivo di portare la palla oltre la meta della squadra blu che difende con tre giocatori. L’obiettivo principale dei blu ovviamente è temporeggiare ed occupare la giusta posizione per impedire ai rossi di raggiungere la meta. Ogni 5 secondi un giocatore blu entra in campo ad aiutare i propri compagni.

Per la squadra in possesso palla l’obiettivo principale è la verticalizzazione e l’andare a meta nel più breve tempo possibile.

E’ importante sottolineare come nel corso di una partita il ragazzo deve muoversi e correre tenendo sotto controllo diversi riferimenti (compagni, avversari ma soprattutto la palla).

In fase difensiva è determinante perché l’attaccante utilizza delle finte, con il preciso obiettivo di indurre il difensore ad un errore di posizionamento del corpo: cercando di sbilanciarlo o sorprenderlo su un lato.

Il difensore deve essere bravo a leggere la palla e non i movimenti di chi la conduce, Altro aspetto importante è la corsa che il difensore deve avere. Il difensore infatti non deve mai affrontare frontalmente lì’avversario ma con un posizionamento a trequarti facendo perno sul piede più lontano dalla palla, mantenendo il baricentro basso e orientando le spalle nella direzione della palla.

Molto importante è sottolineare anche la gestione del baricentro nei ragazzi perchè se viene mantenuto basso soprattutto durante la rotazione il difensore svilupperà maggiore reattività re maggiore forza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *