Philipp Lahm: il giocatore più costante che ci sia

Philipp Lahm aveva 11 anni quando è entrato a far parte del Bayern Monaco.
Arrivò a Säbener Strasse pieno di entusiasmo e Mehmet Scholl, centrocampista offensivo, come suo eroe. L’unico problema è che Lahm si è presto ritrovato a giocare al terzino.  Il giovane ha dovuto ripensare, ha dovuto adattarsi. “Mi sono subito reso conto che non potevo più avere Mehmet come il mio modello di ruolo”, ha detto una volta, “quindi l’ho cambiato invece con Paolo Maldini.”
Pensiero rapido e versatile. Niente e tutto è cambiato.
La straordinaria versatilità di Lahm lo rende un giocatore da sogno per qualsiasi manager.
Xavi Hernández di Barcellona ne è un ammiratore. “Lahm è un grande giocatore con molta personalità e puoi farlo giocare dietro, nel mezzo, avanti, ed è sempre bravo.”
“L’ex capitano brasiliano e vincitore della Coppa del Mondo Carlos Alberto una volta ha detto:” A volte Lahm è semplicemente mozzafiato. Lui non commette errori. È una macchina? No, Weber, Schulz, Höttges, ai miei tempi, erano macchine. Philipp Lahm è un artista. ”
Lahm e Lionel Messi sono entrambi calciatori completi, ma solo uno di loro è stato descritto da Pep Guardiola come “il giocatore più intelligente” che abbia mai allenato…. E non è Messi

Eppure c’è stato un tempo in cui Lahm non era così stimato.
Come la maggior parte dei calciatori durante la sua adolescenza, c’erano dubbi sul fatto che sarebbe stato in grado di entrare nella prima squadra.
Hermann Gerland, un ex calciatore che ha lavorato con squadre giovanili e dilettanti del Bayern dal 2001,  ricorda una storia di quando Lahm aveva 17 anni.

“Lahm era un calciatore perfetto anche a quell’età ma nessuno lo voleva. Lo offrii in prestito”. Un manager volle persino gli rimborsassi i soldi della benzina che aveva speso per essere venuto a vederlo.
Gerland allora chiamò Felix Magath, allora il manager di Stoccarda, e gli offrì i servizi di un giocatore “che sembra avere 15 anni ma gioca come se avesse 30”. Uno scettico Magath chiese dove avrebbe dovuto giocare questo ragazzo. Gerland rispose: “A destra, o terzino sinistro, o a centrocampo a destra, o centrocampista centrale”.
Due mesi dopo lo Stoccarda battè il Manchester United in Champions League e, secondo Gerland, Sir Alex Ferguson fu talmente colpito da Lahm da volerlo immediatamente sotto contratto.
Lahm è entrato a far parte dello Stoccarda in prestito per due stagioni nel 2003. Ha disputato 53 partite della Bundesliga e ha fatto parte della squadra che è arrivata quarta in campionato sotto Felix Magath nel 2004.
Pochi anni dopo incontrai lo stesso manager a Berlino. Ho tirato fuori il portafoglio e ho detto: “Ora, giovanotto, quanto vuoi per quel viaggio?”

Quando è tornato in Baviera si è rapidamente affermato nella prima squadra.

Per molti versi, Lahm è lontano dall’archetipo del calciatore moderno. Non è qualcuno che può essere condensato in un pacchetto di highlights di YouTube, o le cui abilità possono essere facilmente catturate in un gioco per computer, e chissà quale potrebbe essere stata la sua Emoji. Di conseguenza, non ha mai vinto il premio per il calciatore tedesco dell’anno, per non parlare del più celebre Pallone d’ oro.
Lahm si è sempre distinto per la sua professionalità, versatilità e intelligenza. Ha vinto cinque titoli di Bundesliga, cinque German Cup, la Super Coppa tedesca due volte, la Champions League, la Supercoppa europea e la Coppa del Mondo Fifa Club. Di questi 15 titoli, otto sono stati vinti da Lahm come capitano del Bayern e qui sta una leggera dicotomia nella sua personalità.

Nonostante tutta la sua apparente modestia e la sua parlata tranquilla, ha sempre chiaramente ed ardentemente desiderato essere un leader.
Quando ha rifiutato Barcellona nel 2008, la cosa più importante per Lahm non era il suo stipendio, ma la sua posizione nella gerarchia del Bayern.
Non molto tempo dopo aver rifiutato l’offerta dei catalani, contro il parere del suo consulente, ha detto: “Potrebbe essere che la mia personalità fosse sottovalutata. Per me era importante sapere come mi vede il Bayern.
E c’erano volte in cui avevo l’impressione che la mia opinione non fosse sempre apprezzata al 100%. Ora, dopo molte buone discussioni, ho la sensazione di essere una parte importante del puzzle del Bayern. E questo è molto importante per me. ”

costante

In quel periodo, stava anche cercando di estendere la sua influenza nella Nationalmannschaft. Lo ha fatto con tranquillità e modestia.
Dopo la sconfitta contro la Croazia nella fase a gironi di Euro 2008 gli è stato chiesto dalla rivista 11Freunde se avesse parlato alla riunione della squadra dopo la partita. “Certo che ho detto qualcosa”, rispose Lahm. “E quando hai la sensazione di essere ascoltato dal team, ti accorgi che lentamente cresci nel ruolo di leader.” Gli è stato poi chiesto se un giocatore diventa leader o se improvvisamente decide di voler diventare capitano. “Entrambi”, ha detto Lahm. “Sono entrato nella squadra nazionale quando avevo 19 anni e non avevo l’esperienza per poter partecipare alle discussioni.
Ora sono ancora piuttosto giovane, ma sono un calciatore molto esperto. Sono ambizioso e voglio raggiungere le cose e voglio farlo con la squadra. Voglio contribuire di più. ” Alla fine, Lahm fu nominato capitano della Germania e del Bayern. Ha preso il posto di Ballack in nazionale ed ha sostituito Mark van Bommel come capitano del Bayern l’anno successivo.

Lahm è molto “protettivo” nei confronti del suo stile di leadership, eliminando i paragoni con l’idea che un capitano debba essere un certo tipo di Führungsspieler (leader),  nel modo in cui Ballack, Stefan Effenberg e persino Roy Keane erano. Giocatori schietti con grandi personalità. “Cos’è un Führungsspieler ?” gli venne chiesto una volta da un intervistatore. “Non mi piace il termine. Per me non esiste una definizione chiara del termine.
Perché Effenberg era un leader, perché era schietto? O perché aveva una certa presenza in campo? Quando questo è il criterio, OK, allora forse ho una definizione diversa di cosa sia un leader.
Effenberg era un leader perché proiettava la presenza o perché aveva una presenza? C’è una differenza. Oggi non ci sono giocatori che guidano da soli le loro squadre. Oggi condividi questa responsabilità. Ogni singolo giocatore deve assumersi la responsabilità di ciò che fa. Guarda la squadra del Manchester United che ha vinto la Champions League nel 2008, non avevano più un “leader” come Roy Keane. ”
Quindi eccoci qui, un giocatore quasi perfetto che ha trovato la sua voce, dentro e fuori dal campo. Chi avrebbe mai pensato che il timido ragazzino di Gern sarebbe andato così lontano?
Contro l’Argentina, il leader silenzioso della Germania ha compiuto l’ultimo passo per consolidare il suo posto tra i grandi del calcio.

costante  costante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *