Carles Puyol: Un autentico leader. Per i tifosi del Barcellona sarà sempre ‘El Capità’

Ogni squadra di successo nel calcio o in qualsiasi altro sport basato sul gruppo ha un leader nel team. Un giocatore che è ampiamente rispettato e ha un’influenza su tutti i giocatori. Qualcuno che i giocatori guardano come un modello e un idolo. Il tratto di leader nel calcio è spesso frainteso dalle persone, specialmente nel calcio moderno. Oggigiorno la gente pensa che il leader (il capitano) della squadra sia il giocatore che può gridare ai suoi compagni di squadra per motivarli o avere un dialogo con l’arbitro. Questa è solo una piccola parte della leadership.
Questa versione di leadership non è solo incompleta ma totalmente ingenua! La leadership è piuttosto un tratto completo che copre molte aree dentro e fuori dal campo. Va oltre. Il modo migliore per spiegarlo è far luce sull’illustre carriera di Carles Puyol, probabilmente uno dei miglior leader che il calcio che abbia mai visto.
Puyol nonostante sia uno dei migliori difensori al mondo è stato più conosciuto per il suo esemplare ruolo di capitano e leader.

La leadership inizia dallo spogliatoio
Il calcio è uno sport in cui giocatori di diverse culture e nazionalità condividono lo stesso spogliatoio. Mantenere buoni rapporti tra i compagni di squadra è vitale per una squadra sana. A causa delle differenze nei giocatori ci possono essere alcuni problemi tra loro. Puyol lo sapeva e cercava sempre di risolvere le questioni.

Conoscere gli obiettivi della squadra e assicurarsi che anche i compagni di squadra li conoscano!
Aveva un atteggiamento serio quando era in campo. Ha sempre avuto ben chiaro quali fossero gli obiettivi della squadra nella sua mente in modo che potesse assicurarsi che i suoi compagni di squadra non li trascurassero. Riconobbe che la concentrazione, vincente o perdente, era una cosa importante per raggiungere gli obiettivi della squadra.

Foto via Marca

Durante un ‘el classico’ giocato al Bernabeu (sfida tra Real e Barcellona) venne lanciato in campo un accendino che colpì Piquè. Uno dei trucchi che alcune tifoserie fanno contro i loro avversari è provocare lotte solo per ottenere la loro deconcentrazione. Puyol lo sapeva, buttò via l’accendino e chiese a Pique di riprendere la sua posizione in campo. Dopo la partita disse che queste sono cose erano normali, dovremmo abituarci a superarle e concentrarci sul gioco.

Il secondo esempio è citato da Pique. Ricordo il giorno in cui è tornato [dopo l’infortunio]. Nel bel mezzo del gioco ho detto: ‘Puyi, mi sei mancato così tanto.’ Mi ha detto di chiudere il becco e concentrarmi. Non si ferma mai. Una volta, il gioco è stato fermato, qualcuno era in barella e mi stava urlando. Gli dissi: calmati, siamo 4-0 e mancano tre minuti. Disse: “E allora? Concentrati. Ti conosco.’ Stavo morendo dalle risate. Puyol ti tiene sempre sulla corda. “

Impegno, passione e duro lavoro
Nessuno era più impegnato o lavoratore di Puyol. Era sempre il primo a svolgere il compito piuttosto che dire agli altri di farlo. Era un esempio di comportamento da seguire per i suoi compagni di squadra. Sempre! Come diceva il leggendario Franco Baresi “Carles Puyol mette la faccia dove altri difensori non metterebbero il piede”. Lo ricordiamo tutti con un tiro contro Lokomotiv nel 2002 a porta vuota.

https://www.youtube.com/watch?v=ovEJjn2bEjE

Una volta, Puyol disse: “Non ho la tecnica di Romário, il ritmo di Overmars o la forza di Patrick Kluivert. Ma lavoro più duramente degli altri. Sono come lo studente che non è così intelligente, ma rivede i suoi esami e alla fine fa OK. “ Questa citazione ci dice che il duro lavoro è necessario e il talento senza il duro lavoro va sprecato.

Mantenere la condotta della squadra e promuovere il fair play
La condotta di Carles Puyol in campo è un esempio per tutti. Puyol era contro ogni sorta di comportamento scorretto, scontri e violenze in campo. Si è tenuto lontano da tali atti e ha esortato i suoi compagni di squadra a stare lontano da loro. Una volta è stato schiaffeggiato da Ballesteros. Ronaldinho si affrettò ad affrontare Ballesteros ma Puyol lo trascinò via. Lasciò andare Ballesteros che lo colpì, per mostrare ai suoi compagni di squadra di ignorare la violenza.

Immagine tramite metro.co.uk

Puyol credeva nel fairplay. Il Rayo Vallecano era in zona retrocessione mentre ci stavano giocando la stagione 2011/12. Dani Alves e Thiago stavano ballando per celebrare un goal e la vittoria. Gesto che era offensivo per i fan del Rayo. Puyol li vide, interruppe la celebrazione e chiese loro di tornare nella loro metà campo in in modo che il gioco potesse riprendere.

Riconoscere gli sforzi dei suoi compagni di squadra e renderli tributi per questo
Puyol sapeva come prendersi cura dei suoi compagni e farli sentire speciali. Per mantenere l’armonia tra la squadra, è necessario far sentire i giocatori importanti e supportati. Mi viene in mente una esempio anche di questo. Era l’edizione 2010 del Gamper Trophy. Ronaldinho tornaa giocare da avversario al Camp Nou per la prima volta. Puyol non perso l’occasione per un piccolo omaggio. Ha chiamato Ronaldinho per la foto della squadra. Il Barcellona vinto il trofeo ma Puyol l’ha offerto a Ronaldinho come Souvenir che lo ha accettato ringraziando i fan del Camp Nou per l’amore e il supporto.

leaderFoto via FC Barcelona

Molti giocatori sognano di diventare capitano di una squadra e di sollevare il trofeo per la propria squadra, che si tratti del trofeo della Champions League o di uno nazionale. Abidal sconfigge il cancro in tempo per giocare alla UCL Final a Wembley 2011. Il Barcellona vinse la Champions League ed al momento della premiazione Puyol si tolse la fascia di capitano, la consegnò ad Abidal, per fargli sollevare per primo il trofeo

leader

“Carles Puyol è un gentiluomo calcistico. La sua condotta è suprema ed esemplare per tutti i giocatori in generale. Ogni squadra dovrebbe avere un giocatore della sua personalità. Pique una volta ha definito Puyol il suo angelo custode e noi pensiamo lo stesso! Ci manchi, El Capità! ”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *